Suda sangue da faccia e mani: rarissimo caso a Firenze

Sudare sangue, ma nel vero senso della parola e non tanto per dire. È quanto accade da qualche tempo a una ragazza fiorentina di 21 anni, affetta da una malattia rarissima conosciuta come ematidrosi. La vicenda è stato descritta dai medici dell’Università di Firenze sul Canadian Medical Association Journal.

La giovane sarebbe giunta in ospedale quando il sintomo si manifestava già da tre anni. “Non c’era nessuna causa scatenante visibile per il sanguinamento, che poteva avvenire – scrivono Roberto Maglie e Marzia Caproni del dipartimento di Dermatologia – mentre la donna dormiva o durante l’attività fisica”. In particolare, questo sudare sangue dalle mani e dalla faccia avverrebbe soprattutto “durante i periodi di maggior stress, con episodi di durata da uno a cinque minuti”.

Una condizione di certo non facile, che avrebbe portato la 21enne a isolarsi socialmente e a riportare “sintomi compatibili con una depressione maggiore e un disturbo da panico”. Un aiuto in tal senso è arrivato dalla prescrizione di psicofarmaci e propanololo, un medicinale contro l’ipertensione che ha alleviato il problema principale senza però eliminarlo. Tra le sue cause, che finora rimangono solo delle ipotesi, ci sarebbero problemi di coagulazione o una rottura dei vasi sanguigni che fa finire il sangue nei dotti del sudore.

Le prime descrizioni di ematidrosi risalgono, in realtà, al terzo secolo prima di Cristo. Mentre in anni più recenti – in particolare tra il 2004 e il 2017 – casi di questo tipo ne sono stati censiti 28. Tra questi, quello di un uomo di 72 anni, riportato nel 2009 dall’Indian Journal of Dermatology, e quello riguardante un’altra ragazza, raccontato invece nel 2013 dalla rivista specializzata in ematologia Blood.

Pin It on Pinterest