Bandi pubblici per lavoro gratis, tocca anche ai giornalisti. Ordine e Assostampa Sicilia contro il Comune di Trappeto

No allo sfruttamento, no al lavoro gratuito, a maggior ragione per un ente pubblico. Il tema è di stretta attualità dopo la recentissima sentenza del Consiglio di Stato, che ha sancito la legittimità dell’affidamento degli incarichi gratuiti anche a tutti i professionisti (dagli architetti ai veterinari, ai biologi come agli assistenti sociali) da parte della pubblica amministrazione, equiparando espressamente il lavoratore autonomo ad uno sponsor.
Il segretario di Assostampa Sicilia Alberto Cicero e il presidente dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, Giulio Francese, intervengono contro la decisione del Comune di Trappeto di affidare l’incarico di responsabile del suo Ufficio Stampa ad un giornalista, che dovrà svolgerlo a titolo gratuito e senza alcun rimborso spese.
“Posso capire le intenzioni del sindaco di fornire una migliore informazione ai suoi cittadini”, afferma Francese, “apprezzo il suo sforzo di rispettare le norme, richiamandosi alle legge 7 giugno 2000 n.150 che disciplina l’attività di informazione e comunicazione nella pubblica amministrazione. Ma le norme vanno rispettate in toto e quelle vigenti in materia di pubblico impiego e le linee guida stabilite dall’accordo tra Ordine dei giornalisti e Associazione nazionale dei comuni italiani (Anci) nei bandi per gli uffici stampa escludono  richieste di prestazioni a titolo gratuito”.

“Trappeto è solo l’ultimo anello di una catena contro cui l’Associazione siciliana della stampa ha combattuto negli ultimi anni”, ha dichiarato Alberto Cicero, “per affermare principi innanzitutto di legalità e poi di un sistema di informazione corretta da parte delle istituzioni nei confronti dei cittadini, affidato a veri professionisti, a giornalisti iscritti all’albo e non a saltimbanchi vari. Il sindaco di Trappeto dice che non ha i soldi in bilancio per pagare un giornalista ? Sicuramente sarà vero ed è ovvio che l’Assostampa si rende conto della situazione finanziaria nella quale si trova la maggior parte degli enti locali, ma la normativa prevede la possibilità per i piccoli comuni di consorziarsi e dunque sarebbe il caso che Trappeto, se vuole veramente fornire questo servizio al territorio, invece di risolvere il problema con la semplice parola “gratuito” stampata su una delibera e su un bando, metta al lavoro i suoi uffici, avvii un’interlocuzione con i comuni viciniori (da Balestrate a Partinico) e trovi una soluzione seria e credibile. L’Assostampa è disponibile in tal senso a fornire tutti i tipi di assistenza legale e amministrativa necessari, ma intanto il sindaco ritiri immediatamente questo provvedimento.”

Il presidente dell’Odg Sicilia ha chiesto direttamente al sindaco di Trappeto Santo Cosentino di ritirare il bando. “Il sindaco ha preso atto delle mie osservazioni”, ha dichiarato il presidente Francese, “e valuterà se ritornare sui suoi passi. Mi ha assicurato che l’intento era quello di garantire un servizio moderno ed efficiente di comunicazione a un piccolo comune come il suo, nonostante le scarse risorse finanziarie. Nessuna volontà di sfruttamento, ha ribadito. Prendo atto della sua volontà di dialogo e della sua disponibilità a incontrare sindacato e Ordine dei giornalisti per un chiarimento e un sereno confronto”.

Contro le lacune normative sui compensi minimi del lavoro autonomo e gli effetti della sentenza del Consiglio di Stato, devastanti anche per le aspettative occupazionali dei giovani, è stato lanciato un appello interprofessionale, a cui è possibile aderire telematicamente.

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto

Dario Fidora

Direttore editoriale