Berlusconi “tradisce” Musumeci: non andrà a Catania. E nel clan azzurro si dice che…

Silvio Berlusconi non andrà più a Catania a sostenere Nello Musumeci. Alla vigilia del voto del 5 novembre, il tour siciliano del cavaliere si trasforma in una pura visita di cortesia a Palermo, nella tana del fidatissimo Gianfranco Miccichè. E le cose sono due: o ha preferito evitare la sfida delle piazze in diretta con Beppe Grillo previsto a Catania nello stesso giorno (e non è nel suo stile) oppure ha voluto lanciare un segnale a Musumeci, rinunciando alla passerella proprio a casa del candidato presidente che dalle parti di Arcore non ha mai goduto di grandissime simpatie.

Non è un mistero che Berlusconi avrebbe preferito evitare di accodarsi al più destrorso dei possibili governatori, magari in favore di Gaetano Armao, l’uomo scelto in prima battuta da Miccichè e ritenuto affidabile e competente più dello stesso Musumeci. Una forzatura in questa direzione avrebbe, però, comportato una spaccatura simile a quella maturata tra il Pd e e le galassie di sinistra e probabilmente vanificato ogni speranza di vittoria. Non se l’è sentita Miccichè – già 5 anni fa protagonista dell’isolamento di Musumeci – né tanto meno Berlusconi, più interessato al risultato complessivo in una Regione come la Sicilia ritenuta di enorme importanza strategica in vista delle Politiche di primavera.

Le tensioni esistono e sotto traccia trovano conferme: Forza Italia, il partito più influente del centrodestra, si fida poco di Musumeci. Teme possa rivelare, come Raffaele Lombardo, una vocazione da uomo solo al comando rinnegando i patti che hanno portato alla creazione della coalizione. E la richiesta di anonimato certifica che il dissenso esiste e che ormai esce fuori dai corridoi.

Inutile negare che qualche malumore cova da tempo – è la prima ammissione – e che il comportamento di Musumeci, tutte le volte che si è discusso di interessi generali della coalizione, sia stato poco rassicurante”.

“Sembra che il merito di avere riportato il centrodestra in auge sia soltanto di Musumeci – è la seconda e più antica rivendicazione – dimenticando che senza la forza delle liste nessun candidato può dirsi competitivo”.

Berlusconi sarà stato condizionato da questo clima? L’unica certezza è che i suoi consiglieri, che peraltro appartengono all’area più moderata della coalizione, vestono tutti la maglia rosanero. E che comunque riempire la platea del Teatro Politeama a Palermo è oggi assai meno complicato che misurare il grado di popolarità nella piazza più gradita da Musumeci. In questo derby tra Palermo e Catania, l’ala destra etnea dovrà dimostrare di potere fare gol anche senza gli assist dell’uomo più vincente del calcio italiano.

Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto
Tutte le facce di Facebook

Tutte le facce di Facebook, un libro da condividere

Dopo la nascita di Facebook, niente è stato più come prima. E noi, come siamo sopravvissuti? Ce lo racconta Riccardo Lo Bue nel suo libro Tutte le facce di Facebook. Giovani e meno giovani, pensionati e studenti, uomini e donne: ...
Leggi Tutto
Carmelo Ferlito

Carmelo Ferlito, tre premi speciali al “Var Talent 18”

Il cantante catanese si è classificato al 4° posto al “VarTalent 18" Festival Canoro d'Italia (6 ottobre - Trento) ma si aggiudica ben tre premi speciali: migliore base, migliore interpretazione e migliore look Carmelo Ferlito, cantante e interprete originario di ...
Leggi Tutto
Piero Guccione

Addio a Piero Guccione, inimitabile pittore del mare

L'uomo che disegnava il mare non c'è più. Piero Guccione, capostipite della scuola di Scicli, è deceduto ieri a Modica e ha portato per sempre con sé quel suo tratto inconfondibile che è il marchio d'artista. Non ci sarà più ...
Leggi Tutto