Lampedusa, una donna denuncia la tentata violenza da parte di cinque migranti

Denunciato da una donna di 50 anni, che vive a Lampedusa, un tentativo di violenza sessuale da parte di cinque migranti, quasi certamente tunisini ospiti dell’hotspot qui presente. Così ha commentato l’accaduto il sindaco Totò Martello: “Si sta verificando quello che avevo puntualmente denunciato nelle scorse settimane: nell’isola c’è un problema di ordine pubblico e di sicurezza. Lo dimostrano le risse, gli scassi che si susseguono uno dopo l’altro in quantità industriale, i furti nei negozi, nei supermercati e persino dai fruttivendoli”.

Stando a quanto raccontato dalla donna ai Carabinieri, i cinque migranti sarebbero entrati nell’atrio della sua abitazione – che si trova lungo la strada che dalla struttura di accoglienza di contrada Imbriacola conduce fino al centro del paese – e avrebbero iniziato ad abbordarla simulando anche gesti di natura sessuale. Uno di loro avrebbe cercato di abbracciarla e baciarla. Sola in casa, la 50enne avrebbe, quindi, iniziato a urlare e a minacciarli con un bastone. Così facendo, sarebbe riuscita ad allontarnarli. Adesso si sta cercando di individuare i cinque uomini.

“Nell’hotspot ci sono attualmente 500 ospiti. Ogni mattina – ha spiegato all’Adnkrons il primo cittadino di Lampedusa – ne trasferiscono 200, ma nonostante i trasferimenti quotidiani la struttura resta piena perché nel frattempo altri migranti continuano a sbarcare”.