Sondaggi e scudo incrociato: in Sicilia, Musumeci e Micari si contendono il voto dei centristi

I sondaggi su Musumeci, Micari e il voto centrista in SiciliaIn Sicilia non è lo scudo crociato di una volta che domina le elezioni, ma lo scudo incrociato. Ovvero, il voto incrociato degli elettori “centristi”, in una terra dalla grande tradizione Dc. Per quello che possono valere i sondaggi in Sicilia, terra di silenzio d’opinione per antonomasia, i sondaggi sulle imminenti elezioni regionali iniziano a stabilizzarsi.
Negli ultimi quattro sondaggi (due di Demopolis, uno di Piepoli e uno di Index research), Musumeci è comunque in testa con un 35-42% su Cancelleri intorno al 33% e Micari (20-22%). Fava è stabilmente al 9-10%.
Effetto della presentazione di liste di candidati? Può essere, visto che proprio un sondaggio sui voti di lista darebbe la coalizione di sostegno a Micari nientemeno che al 32%, sia pure prima della incredibile esclusione della sua lista di candidato (Lista Micari) nelle province di Siracusa e Messina. Esclusione che demotiva molto i seguaci di Crocetta e lo stesso presidente uscente.
Fatto sta che, con due province su nove dove non ci saranno, la soglia del 5% potrebbe non essere raggiunta dalle liste-Micari su base regionale. Ma è anche vero che la maggiore contraddizione all’interno dello schieramento di centrosinistra era proprio il sostegno di Crocetta, negli ultimi cinque anni di governo regionale duramente criticato anche dall’area di centrosinistra.
Ma i sondaggi sono credibili? [Leggi tutto]

Tabella sondaggi elezioni Sicilia riassunto wikipedia al 13 ottobre 2017
Tabella sondaggi elezioni Sicilia riassunto wikipedia al 13 ottobre 2017

Pin It on Pinterest