Beni confiscati alla mafia, Alongi: “Facilitare l’accesso ai servitori dello Stato”

Pietro AlongiIl deputato regionale Pietro Alongi, componente della commissione Antimafia all’Ars, insieme a Domenico Milazzo, presidente della cooperativa Coops, costituita da poliziotti, ieri mattina ha incontrato il Prefetto Ennio Mario Sodano, direttore dell’Agenzia nazionale per i beni confiscati, per affrontare il delicato tema della vendita degli immobili confiscati alla mafia da destinare a cooperative costituite dagli appartenenti alle Forze dell’Ordine.

“Il Prefetto Sodano – dice Alongi – ci ha riferito che nelle prossime settimane, a seguito dell’approvazione della nuova legge sull’Agenzia per i beni confiscati, si potrà attuare un ulteriore approfondimento e ritiene che ci siano spiragli per individuare possibili percorsi utili affinché possano essere venduti immobili confiscati alla mafia agli appartenenti alle Forze dell’Ordine. Credo sia opportuno – dice l’onorevole Alongi – facilitare l’accesso ai beni confiscati a queste cooperative”.

Nel corso dell’incontro, inoltre, l’onorevole Alongi ha sollevato il delicato tema della chiusura dell’ufficio dell’Agenzia per i beni confiscati a Palermo: “Ritengo che sia un fatto gravissimo, un pessimo segnale per il territorio per la cittadinanza e verso i tanti palermitani e siciliani che hanno sacrificato la propria vitta nella lotta a Cosa nostra – ha affermato l’onorevole Alongi – La presenza dello Stato è fondamentale per l’affermazione dei principi di legalità e onestà, per questo il capoluogo siciliano merita la massima attenzione da parte di tutte le Istituzioni”.

Pin It on Pinterest