Omicidio all’Arenella, interrogata la 20enne fermata. Si cerca ancora l’arma del delitto

È stata interrogata questa mattina la 20enne, Alessandra Ballarò, fermata sabato pomeriggio scorso dopo l’uccisione, in piazzetta Caruso nel quartiere Arenella di Palermo, di Leonardo Bua, 36 anni, e il ferimento del fratello, Giuseppe di 40 anni, trasportato all’ospedale Villa Sofia in gravi condizioni e ora in coma farmacologico. Il gip del Tribunale di Palermo dovrà decidere se convalidare il fermo della ragazza, che ha confessato il delitto. Intanto, gli investigatori sono ancora alla ricerca della pistola utilizzata per sparare ai due fratelli. Non è escluso che sia stata gettata in mare, a poche decine di metri da dove è avvenuto il tutto.

Alla base dell’omicidio ci sarebbero vecchi dissapori legati a una casa che i Bua avevano acquistato proprio dai Ballarò. Una vendita finita pure in tribunale davanti al giudice civile. Ed è così che l’ennesima lite, sabato, si è conclusa nel più tragico dei modi. Il delitto sarebbe stato ripreso anche da alcune microtelecamere, che erano state sistemate dalla famiglia della giovane per scoprire eventuali danneggiamenti da parte dei Bua,e rinvenute dagli agenti della squadra mobile durante la perquisizione.

Pin It on Pinterest