“Rallo per diletto”, invito a nozze per il vino…

Che la Cantina Rallo faccia parlare di sé non è una novità. Da circa sette anni, infatti, l’azienda agricola marsalese organizza “Con Rallo per diletto”, un ciclo di appuntamenti e degustazioni itineranti volti a far conoscere i vini aziendali e i loro migliori abbinamenti.

Ma “Con Rallo per diletto” è anche il nome di una pubblicazione cartacea, alla sua settima edizione, che la nota cantina di Marsala edita una volta all’anno, avvalendosi della collaborazione di autorevoli penne del giornalismo enogastronomico regionale e nazionale e della supervisione dei proprietari Andrea Vesco, export manager, e Sarah Vesco, responsabile marketing e comunicazione. “Uno strumento che si fa promotore della cultura del buon bere e del buon mangiare, destinato principalmente agli addetti ai lavori, in particolare ristoratori ed enotecari, ma anche ai consumatori finali che con questi entrano in contatto” spiega Alessio Giuliano, responsabile marketing e vendite italia.

Per il secondo anno consecutivo, la nuova uscita viene celebrata con un incontro itinerante che ha coinvolto stampa e addetti ai lavori in una interessante giornata alla scoperta del Percorso Arabo Normanno nel borgo marinaro medievale di Cefalù. Ed è proprio all’inestimabile valore del patrimonio UNESCO che Rallo ha voluto dedicare ben due referenze: il Nero d’Avola Riserva Lazisa ed il Grillo Riserva Lacuba. Mentre lo scorso anno, il percorso ha coinvolto i monumenti della città di Palermo, l’edizione 2017 si è rivolta ai siti UNESCO di Cefalù. Dal Duomo con il celebre Cristo Pantocratore, voluto da re Ruggero d’Altavilla, al lavatoio, fino alle mura medievali che cingono il centro storico dell’incantevole cittadina normanna affacciata sul mare.

Poiché il buon bere va di pari passo con il buon cibo, la presentazione del magazine si è svolta presso Cortile Pepe di Toti Fiduccia, dove sono state distribuite ai partecipanti le copie che hanno mostrato una nuova edizione ricca di contenuti coinvolgenti e di spunti interessanti. Dopo l’aperitivo che si è svolto presso la Putia Pepe, costola del Cortile, in cui sostare per degustare e acquistare vini e prodotti utilizzati all’interno del ristorante, è arrivato il momento di gustarne la cucina preparata dallo chef resident Gianni Lettica e dal pasticcere Gianluca Miccoli, e da tutta la brigata di cucina, in abbinamento ai vini firmati Rallo. Immerso tra i vicoli suggestivi del centro storico, Cortile Pepe rappresenta un nuovo modo di fare ristorazione poiché al suo interno convivono modernità e tradizione, lasciando, tuttavia, spazio ad influenze esterne e ad una continua sperimentazione nel costante rispetto delle materie prime di elevata qualità e della stagionalità dei prodotti.

Ricche le proposte del menu à la carte, ma anche speciali percorsi degustazione, ideati dallo chef Gianni Lettica e dal sous chef Gianluca Miccoli, che spaziano tra terra e mare, passando anche attraverso interessanti proposte di piatti a base di verdure di stagione. Colori, sapori e profumi della Sicilia si rincorrono nella cucina dello chef senza mai risultare banali, permeati da una apparente semplicità che nasconde, in realtà, costante ricerca e tecnica sopraffina. Amous bouche di uovo pochet e pesto di rucola, rocher di scottona con crema di robiola, flan di broccolo siciliano con colatura di scaluni, cous cous con triglie e finocchietto e bavarese d’autunno con crema di ficodindia, salsa al melograno e biscuit al pistacchio sono solo alcuni dei piatti proposti dallo chef piemontese che fanno parte del nuovo menù autunnale. I piatti sono stati sapientemente abbinati alle etichette Rallo, in particolare allo Zibibbo al Quasar, al Grillo riserva LaCuba, al Nero D’avola riserva Lazisa e, in chiusura, ad un Marsala Vergine dell’82.

Pin It on Pinterest