Morbillo, morto un 42enne a Catania. Non era vaccinato

Il morbillo fa un’altra vittima in Italia. Questa volta in Sicilia. Si tratta di un uomo di 42 anni, non vaccinato, il cui decesso è avvenuto la scorsa settimana nel reparto Malattie infettive dell’ospedale Ferrarotto di Catania.  A darne notizia è il bollettino settimanale sull’epidemia di morbillo in corso nel nostro Paese da gennaio scorso, a cura di Ministero della Salute e Istituto superiore di sanità (Iss).

“È incredibile commentare ancora queste notizie di morti di morbillo in seguito alla scelta di non vaccinarsi”, ha commentato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. “Siamo al quarto decesso dell’anno, nel giorno in cui è arrivata la sentenza positiva del Consiglio di Stato – ha aggiunto – ed è che le due notizie sono strettamente correlate”.

L’inizio dei sintomi nell’uomo deceduto a Catania sarebbe avvenuto l’8 settembre, per poi due giorni dopo comparire l’esantema. Esami specifici avrebbero, quindi, confermato la diagnosi di morbillo (Pcr positiva). Il paziente era immunodepresso.

“È un classico caso di malattia  prevedibile, che colpisce un soggetto ‘fragile’, proprio il cluster che più di altri beneficerebbe della vaccinazione, semplicemente seguendo protocolli da tempo validati basati su forti evidenze scientifiche”, ha dichiarato Giuseppe  Giammanco, direttore generale dell’Asp di Catania, mentre Mario Cuccia, responsabile del servizio epidemiologia dell’Asp etnea:  “Dall’inizio dell’anno a Catania abbiamo avuto 165 casi, numeri inconsueti e molto alti che sono legati alle mancate vaccinazioni. Ci sono anche casi di persone vaccinate, ma sono pochi e il quadro clinico è molto più lieve. L’unica strada – aggiunge l’esperto – è la prevenzione, e quindi i vaccini”.

Secondo il bollettino, dall’inizio dell’anno, sarebbero 4.575 i casi verificati, di cui 300 riguardanti operatori sanitari, e 4 in tutto i decessi. Ben l’88% dei pazienti non era vaccinato, il 6% con 1 sola dose. Il 35% ha riportato almeno una complicanza, il 44% è stato ricoverato, il 22% è finito in pronto soccorso. Il 90% dei casi proverrebbe da Piemonte, Lazio, Lombardia, Toscana, Abruzzo, Veneto e Sicilia, mentre l’età media sarebbe di 27 anni. Il 74% è stato segnalato in persone di età maggiore o uguale a 15 anni e l’incidenza maggiore nei bambini sotto l’anno di età.

Foto di Fabio Sgroi - Rep. Ceca 2008 @ Fabio Sgroi

Fabio Sgroi / Un reportage in bianco e nero in quattordici paesi europei

Past Euphoria-Post Europa, libro fotografico di Fabio Sgroi, è la storia di un viaggio che attraversa in lungo e largo i Paesi dell’est Europa continentale. È un viaggio nel tempo, che coglie i diversi passaggi di un percorso articolato e complesso, ...
Leggi Tutto
Convegno Cgil Sicilia, Gianna Fracassi: "Il dibattito sul consumo di suolo e rigenerazione urbana è di fatto assente dall'agenda politica di questo Paese"

Fracassi (Cgil), “I temi della rigenerazione urbana sostenibile assenti dall’agenda politica del Paese”

Il dibattito sulla rigenerazione urbana sostenibile, presieduto dalla segretaria regionale della Cgil Sicilia Mimma Argurio e coordinato dal segretario generale di Cgil Catania Giacomo Rota, e quello sull'analisi degli studiosi di settore invitati dal sindacato, sono stati i temi principali ...
Leggi Tutto
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito la medaglia di rappresentanza al Teatro Libero di Palermo per i 50 anni di attività

Mattarella conferisce la medaglia di rappresentanza al Teatro Libero di Palermo

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito la medaglia di rappresentanza al Teatro Libero di Palermo in occasione del cinquantesimo anno di attività. Si tratta di un riconoscimento che viene attribuito a discrezione del Presidente della Repubblica a iniziative ritenute ...
Leggi Tutto
Sembrava a un passo dalla scarcerazione ma Dell'Utri resta in prigione per un conflitto di competenze della Corte d'appello di Caltanissetta

Conflitto di competenza, Dell’Utri resta in carcere: decisione rinviata al prossimo 8 marzo

Sembrava a un passo dalla scarcerazione ma l'ex senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri, condannato a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, resta, almeno per il momento, in prigione. La Corte d'appello di Caltanissetta, che avrebbe dovuto decidere ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest