La prima bomba atomica di Giuseppe Stalin e l’incubo della Guerra fredda

Durante la Seconda guerra mondiale quattro potenze belligeranti avevano iniziato frenetiche ricerche per la produzione di armi nucleari. Gli scienziati tedeschi nel 1941 comunicarono a Hitler che non avrebbero potuto costruirle. Il gruppo di ricerca inglese confluì all’interno del Progetto Manhattan statunitense. Stalin affidò nel 1943 a uno dei suoi uomini più fidati, Beria, capo della polizia segreta dell’Unione sovietica, risorse illimitate per la messa a punto di bombe atomiche.
Dopo lo scoppio degli ordigni USA su Hiroshima e Nagasaki nel 1945 in Giappone, gli sforzi sovietici vennero intensificati. Fu determinante l’opera di spionaggio con cui furono carpite informazioni cruciali dagli scienzati del Progetto Manhattan, specialmente da parte del fisico tedesco naturalizzato britannico Klaus Fuchs, una delle menti più eccelse che parteciparono al progetto dell’atomica americana.
Fu così possibile per Stalin ordinare un primo esperimento il 29 agosto 1949, che il controspionaggio Usa chiamò Joe-1, seguito dallo scoppio della prima bomba sovietica vera e propria, il 22 settembre. Joe-2 fu fatta detonare e i filmati dell’esplosione fecero il giro del mondo. L’opinione pubblica americana rimase molto colpita, era convinzione comune che le armi atomiche fossero, almeno per un certo numero di anni ancora, fuori della portata degli URSS. Una reazione che portò all’arresto per spionaggio dei coniugi Rosemberg e la loro condanna a morte eseguita nel 1953.

Il possesso di armi nucleari da parte dell’Unione sovietica consolidò la cosiddetta Guerra fredda, la ultraquarantennale (1948-1989) contrapposizione tra due blocchi guidata dalle due super-potenze USA e URSS dopo il secondo conflitto mondiale.
La Guerra fredda era iniziata con il primo episodio di ostilità tra sovietici e statunitensi nel 1948 quando, in risposta alla protezione accordata nel 1947 a Grecia e Turchia minacciate e all’avvio del Piano Marshall, Stalin bloccò ogni via d’accesso al territorio di Berlino Ovest per undici mesi, durante i quali viveri, medicinali e ogni altra fonte di approvvigionamento per due milioni di berlinesi fu garantita da un ponte aereo.
Terminò 41 anni dopo a Berlino, dov’era cominciata, con la caduta del Muro il 9 novembre 1989. Caddero uno dopo l’altro anche i regimi comunisti dei paesi europei dietro la “Cortina di ferro“. L’effetto domino degli eventi portò nel 1991 allo scioglimento del Comecon (28 giugno), del Patto di Varsavia (1° luglio) e della stessa Unione Sovietica (26 dicembre).


Timeline del 22 settembre – Accadde oggi, a cura di Filippo Barbaro

1869 – L’opera di Richard Wagner, L’oro del Reno fa il suo debutto a Monaco di Baviera
1893 – Viene esposta la prima automobile di fabbricazione americana, costruita dai fratelli Duryea
1907 – Il piroscafo Principessa Jolanda affonda durante il varo
1949 – L’Unione Sovietica detona la sua prima bomba atomica
1994 – La serie televisiva Friends fa il suo esordio televisivo negli Stati Uniti sulla NBC
2000 – Esce definitivamente di produzione la Fiat 126

I NATI OGGI

1829 – Maurice Joly, scrittore, giornalista e avvocato francese
1934 – Ornella Vanoni, cantante
1957 – Giuseppe Saronni, dirigente sportivo, ex ciclista su strada
1958 – Andrea Bocelli, tenore
1967 – Andrea Santonastaso, attore e comico
1979 – Roberto Saviano, scrittore e saggista

 

 

Tre Terzi, online il nuovo singolo "Chi ci salverà"

Tre Terzi, online il nuovo singolo “Chi ci salverà?” – VIDEO

Il mago, l’allievo diligente e le quattro bambole voodoo il cui destino è destinato ad “andare a mare”. Si intitola “Chi ci salverà?”, ed è il titolo del nuovo singolo dei Tre Terzi, che anticipa il nuovo album della band, ...
Leggi Tutto
L'intervento di Fabio Cocchiara durante il Congresso Regionale di Diventerà Bellissima, che si è svolto all'interno del Mondello Palace Hotel, a Palermo

Diventerà Bellissima, l’intervento di Fabio Cocchiara: “Ricreare le antiche sezioni sul territorio”

"Per favore promuovete la creazione delle antiche sezioni sul territorio, perché è molto importante, la gente vuole parlare ed essere ascoltata, e noi abbiamo tutti i requisiti per parlare alla gente". Così Fabio Cocchiara, uno dei militanti che ha preso ...
Leggi Tutto
Maria Giovanna Elmi sarà la madrina della sfilata di Siria Eco Design e Joseph Cuomo che si terrà a Palazzo Bonocore a Palermo

Palazzo Bonocore, Maria Giovanna Elmi madrina della sfilata di Siria Eco Design e Joseph Cuomo

L'eco design incontra il pret-a-couture, sabato 16 dicembre, dalle ore 17,00, a Palazzo Bonocore, in piazza Pretoria, a Palermo. Nunzia Ogliormino, artigiana specializzata nella creazione di accessori, nati da materiali alternativi e di riciclo, e anima del marchio Siria Eco Design, presenterà la propria collezione ...
Leggi Tutto

The Buns, il duo francese si esibisce alla Fabbrica 102

Ancora un appuntamento con la musica internazionale alla Fabbrica 102 di Palermo. Domani, sabato 16 dicembre, nel locale di via Montelone 32, a partire dalle 22.30, si esibirà il duo femminile francese The Buns. La band 'non suona, fa rock'n'roll', ...
Leggi Tutto

Dario Fidora

Direttore editoriale

Pin It on Pinterest