Le nomine di Crocetta e la rivoluzione mancata di Micari

Circa tre settimane fa abbiamo avuto occasione di chiedere pubblicamente a Fabrizio Micari, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Siciliana, di dimettersi da rettore dell’Università di Palermo. Non per scontate ragioni di opportunità, che comunque e prevedibilmente gli torneranno in faccia nel corso dell’intera campagna elettorale, ma per qualcosa di davvero rivoluzionario, qualificazione decisamente annacquata in era crocettiana. Per dare, cioè, una dimostrazione concreta di distinzione – per favore, abbandoniamo il termine “discontinuità” che farebbe ormai ridere pure i “siddiati”- da metodi e personaggi del presente e del passato.

Purtroppo, non è accaduto nulla e la speranza di un cambiamento nei comportamenti di chi si candida a ruoli pubblici rilevanti si è infranta sugli scogli della tutela dei destini personali. Tant’è. Il punto, adesso, è un altro. Dinanzi alla spregiudicata iperattività da parte di Rosario Crocetta a poca distanza dal voto, vedi le raffiche di nomine di ogni ordine e grado condite con gli aumenti stipendiali ai forestali – spregiudicata ma non nuova, ne sanno qualcosa i suoi predecessori Raffaele Lombardo e Totò Cuffaro – proprio il professor Micari, ammesso che in cuor suo contesti il modus operandi del governatore uscente, come ha fatto Leoluca Orlando, avrebbe una qualche difficoltà a stigmatizzare, anzi, apertamente condannare una visione abbastanza disinvolta e partigiana delle cariche pubbliche rivestite. Infatti, sta zitto, al netto di qualche leggera sculacciata, e non va bene. In verità stanno tutti zitti dinanzi allo scempio esagerato, perpetrato nei piani alti di Palazzo d’Orleans, di ogni minima regola di decoro e rispetto delle istituzioni. Silenzio del segretario regionale del PD Fausto Raciti, dei capicorrente e deputati del partito. Silenzio degli alleati, da Totò Cardinale ad Angelino Alfano. Se lasciare a Crocetta carta bianca è stato il prezzo per assicurarsi il suo ritiro si tratta di un conto piuttosto salato.

In ogni caso, siamo in campagna elettorale e qualcuno avrà pensato che sarebbe da folli scatenare ora uno scontro con Crocetta sulle nomine, meglio rimanere fermi all’incredibile standing ovation che la direzione regionale dem gli ha recentemente tributato dopo avergli, però, rifiutato la ricandidatura. Forse, invece, è maggiormente folle non guardare alla caduta di credibilità nei confronti degli elettori, seppure in una terra in cui è ancora forte il voto clientelare e di apparato, in sconfinata misura arruolati nell’esercito degli astensionisti. Costoro non riescono a intravedere nemmeno stavolta – a destra, a sinistra e al centro, e considerando le faide interne che stanno dilaniando il movimento 5Stelle – alcun segnale di novità mentre nei luoghi della politica, e financo nelle istituzioni, si ripetono ossessivamente i riti miserevoli di sempre.

Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto
Marianna Caronia ed Ernesto Basile

Museo Basile e Liberty. ARS approva primi fondi per progettazione

Acquista concretezza l'idea di realizzare a Palermo un museo del Liberty e dell'opera di Ernesto Basile. Con un emendamento approvato questa notte dalla commissione bilancio su proposta di Marianna Caronia è stato infatti stanziata la somma di 45000 euro per ...
Leggi Tutto
Gaetano Armao

Comuni in dissesto, Armao: “La Regione ha creato un Fondo di 20 milioni. Ora serve l’intervento dello Stato per evitare il default”

“La Regione Siciliana ha fatto e sta facendo la propria parte, con la creazione di un apposito Fondo che mobilita venti milioni di euro a favore dei Comuni in dissesto”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione siciliana e assessore ...
Leggi Tutto