La lezione del Dalai Lama e l’ora X delle timpulate

visita Dalai Lama
La visita del Dalai Lama al Teatro Massimo (Ph. ©Studio Camera/ Grazia Bucca)

La lezione del Dalai Lama è semplice, ma talmente semplice, breve ed efficace che le sue parole potrebbero essere contenute nella cartina del bacio Perugina. E forse di questa semplicità ha bisogno oggi l’umano che è sommerso dal rumore costante delle informazioni e ha poche speranze di accedere ai messaggi, quelli che puntano dritto al cuore piuttosto che al cervello.

“A 16 anni ho perso la mia libertà, a 24 la mia terra. Per questo, poiché mi considero uguale e vicino ad ogni uomo, parte della stessa umanità, tutti sono la mia gente e ovunque è la mia terra”.

“Dovunque sei, se stai bene, quella è la tua terra; con chiunque sei, se stai bene, quella è la tua famiglia”.

Bastano queste 60 parole per farci dimenticare la pochezza dei giorni che ormai siamo abituati a vivere. La dimostrazione che la narrazione del vissuto può essere straordinariamente efficace anche se si omette l’argomento a cui esso può riferirsi. Sessanta, non una di più, per farci comprendere la ridicolaggine e la bestialità di chi si ostina a cercare consenso sulla pelle dei migranti, a speculare, ad attuare il rifiuto di quella solidarietà che è sinonimo di umanità e sta alla base di ogni forma di civile convivenza.

Ci commuove l’ideale abbraccio tra il Dalai e Biagio Conte, paladino degli ultimi di casa nostra. Nei loro sguardi, che non hanno bisogno di traduzione, c’è l’incontro tra modi diversi di vivere la spiritualità, l’identica voglia di un soccorso spontaneo a questa umanità in fuga dall’anima. Sfrondata dal protocollo di un evento pop, la visita del Dalai Lama è stata l’occasione più opportuna per fermarsi a riflettere e cercare una dimensione altra rispetto alla visione materiale di cui è spesso condito il nostro quotidiano. Poi domani, come mi si sussurra all’orecchio digitale, magari scatta l’ora X delle timpulate. Ma si va per tentativi. E quindi un abbraccio sentito al Dalai che ci ha regalato qualche ora di speranza.

Lo Scordabolario di Salvo Piparo, il dizionario delle parole perdute, sarà live nell'atrio di Palazzo delle Aquile sabato 16 e domenica 17 dicembre

Lo Scordabolario di Salvo Piparo nell’atrio di Palazzo delle Aquile

Sabato 16 e domenica 17 dicembre, alle ore 18.00, Lo Scordabolario di Salvo Piparo sarà live nell'atrio di Palazzo delle Aquile. Nato per gioco, tra uno spettacolo e un altro, Lo Scordabolario, ideato, pensato e girato da Salvo Piparo, diventa ...
Leggi Tutto
Lezioni di tango alla Cittadella dell’artigianato, in via Magliocco a Palermo. Un’iniziativa di Confartigianato Sicilia nell’ambito della fiera di Natale

Palermo, lezioni di tango alla fiera di Natale di via Magliocco

Lezioni di tango ieri sera alla Cittadella dell’artigianato in via Magliocco a Palermo. Un’iniziativa di Confartigianato Sicilia nell’ambito della fiera di Natale che ha preso il via il 7 dicembre scorso. Un appuntamento organizzato in collaborazione con la scuola di ...
Leggi Tutto
Arsenale della Marina Regia a Palermo sarà presentato Orion, il Museo multimediale dello Stretto di Messina: sarà virtuale con accesso gratuito su Internet

Orion: il museo multimediale dello Stretto di Messina

Venerdì 15 dicembre 2017, alle ore 11,00, all'Arsenale della Marina Regia a Palermo sarà presentato il Museo multimediale dello Stretto di Messina intitolato "Orion. Scilla e Cariddi il mito del mare", finanziato dall'Assessorato Regionale dei Beni culturali e dell'Identità siciliana ...
Leggi Tutto

Viale Emilia, Associazione Comitati Civici: “Armadietto ripetitore pericoloso e illuminazione carente”

Un armadietto ripetitore non a norma e pericoloso per i passanti in viale Emilia, all'altezza del civico 3, a Palermo. La segnalazione al gazzettinodisicilia.it arriva dall'Associazione Comitati Civici, che denuncia la carenza di illuminazione nella stessa strada. "Abbiamo notato un ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest