Io che sono fatta per amare ho bisogno di una vita digitale

Ho bisogno di una pausa. Scrivere non è il mio mestiere, io sono fatta per amare. E sono stanca di scrivere e di amare, del tormento che richiede l’una e l’altra delle cose, della fatica e della concentrazione. E della necessità di piacere e di capire se piaci. Sono stanca di scrutare dentro di me e di succhiare le storie degli altri sperando di trovare indizi per il mio futuro. Eppure, caro diario, nonostante la stanchezza credo ancora nei miracoli.

Noi che siamo femmine prima ancora che donne, che abbiamo portato dentro il seme della vita e che per questo ci sentiamo un po’ dio, crediamo che il destino sia l’ovvio dei popoli. E che siamo noi che ci disegniamo la nostra esistenza, con mano ferma, tratteggiando un corpo nudo che giorno dopo giorno proviamo a vestire. Non sempre indossiamo l’abito da sera, a dire il vero non sempre indossiamo l’abito e spesso ritorniamo alla versione primordiale, la più difficile da gestire, la più complicata di sicuro perché ci lascia senza protezione. Evviva le apparenze, verrebbe da dire, se queste ti assicurano attimi di serenità. A me che sono stanca, prestate per favore l’abito dell’esuberanza per il tempo necessario a tornare quella che io so di essere.

Con tutte le contraddizioni del caso. Io che amo il mio uomo ma sono attratta dall’essenza di una bionda, dal gioco di seduzione che spero non finisca mai e che alimenta la mia inquietudine. E non c’entra la crisi di mezza età con cui mi ha liquidata la mia dolce amica di un breve tempo che fu, io di mezza età non ho proprio niente. Bacio ancora come la dea dell’amore, alleno il mio karma con il pilates, fiuto la bellezza prima ancora di vederla. Sono solo stanca perché se superi gli anta il bagaglio con cui viaggi non potrà mai essere leggero. Potrei comprare una vita digitale, come suggerisce Bernardette, tenermi le mie lentiggini e ogni cosa di me che amo e dirottare su qualcun altro la parte guasta. Potrei farlo, c’è qualcuno che mi accompagna?

Tre Terzi, online il nuovo singolo "Chi ci salverà"

Tre Terzi, online il nuovo singolo “Chi ci salverà?” – VIDEO

Il mago, l’allievo diligente e le quattro bambole voodoo il cui destino è destinato ad “andare a mare”. Si intitola “Chi ci salverà?”, ed è il titolo del nuovo singolo dei Tre Terzi, che anticipa il nuovo album della band, ...
Leggi Tutto
L'intervento di Fabio Cocchiara durante il Congresso Regionale di Diventerà Bellissima, che si è svolto all'interno del Mondello Palace Hotel, a Palermo

Diventerà Bellissima, l’intervento di Fabio Cocchiara: “Ricreare le antiche sezioni sul territorio”

"Per favore promuovete la creazione delle antiche sezioni sul territorio, perché è molto importante, la gente vuole parlare ed essere ascoltata, e noi abbiamo tutti i requisiti per parlare alla gente". Così Fabio Cocchiara, uno dei militanti che ha preso ...
Leggi Tutto
Maria Giovanna Elmi sarà la madrina della sfilata di Siria Eco Design e Joseph Cuomo che si terrà a Palazzo Bonocore a Palermo

Palazzo Bonocore, Maria Giovanna Elmi madrina della sfilata di Siria Eco Design e Joseph Cuomo

L'eco design incontra il pret-a-couture, sabato 16 dicembre, dalle ore 17,00, a Palazzo Bonocore, in piazza Pretoria, a Palermo. Nunzia Ogliormino, artigiana specializzata nella creazione di accessori, nati da materiali alternativi e di riciclo, e anima del marchio Siria Eco Design, presenterà la propria collezione ...
Leggi Tutto

The Buns, il duo francese si esibisce alla Fabbrica 102

Ancora un appuntamento con la musica internazionale alla Fabbrica 102 di Palermo. Domani, sabato 16 dicembre, nel locale di via Montelone 32, a partire dalle 22.30, si esibirà il duo femminile francese The Buns. La band 'non suona, fa rock'n'roll', ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest