Inondazioni / Tragedia di Livorno, cosa realmente è successo

Inondazione Livorno 2017Sulla tragedia di Livorno ci stanno raccontando un tir di minchiate a cominciare dal sindaco della città. Le polemiche che il primo cittadino ha sollevato ieri sembrano uscite dal Manuale del Pelo Sullo Stomaco degno della più sublime Prima Repubblica. E questo vale per Livorno ma puntualmente accade a tutte le latitudini nazionali (vedi Roma). Per questo lo commento. Perché lì come dappertutto l’obiettivo è uno solo: levarsi di sotto. Umanamente comprensibile, ma politicamente discutibile.

Il sindaco ha lamentato il fatto che la Protezione Civile regionale avesse emesso un’allerta Arancione invece che Rossa. Poi ha sottolineato l’eccezionalità dell’avvenimento (in poche ore è venuta giù tutta l’acqua caduta da gennaio a ora) attribuendola ai cambiamenti climatici.
Ma avvenimenti come quelli di Livorno hanno cadenza annuale almeno dal 2010. Ricordate Genova? Ricordate Giampilieri? Ricordate l’Emilia? Ricordate Sanfratello? Insomma tutto tranne che avvenimenti “eccezionali”.

C’è poi un aspetto che è importante sottolineare. Non è la pioggia diretta che provoca un allagamento. La casa dove sono morte sei persone era un pianoterra, non uno scantinato e, per quanto copiosa, non basta una pioggia per allagare una casa sino al tetto.

L’allerta Arancione non impedisce la verifica di efficienza di alcuno degli adempimenti legati alla prevenzione. E’ facile dire: io sono sindaco da poco, il dissesto del territorio ha altri padri.
Come ormai tutti sanno la manutenzione ordinaria di tutto ciò che è stato pensato e realizzato per drenare le acque piovane spetta alle amministrazioni in carica ed è fatto di interventi veloci: svuotare i tombini, ripulire i nodi di intersezione dei corsi d’acqua per prepararli a sopportare un maggiore flusso. Il sindaco di Livorno aveva bisogno dell’allerta Rossa? Non bastava quella Arancione per fare qualcosa? [Leggi tutto]


Un piccolo fiume interrato da anni ha straripato

Ancra Confcommercio: Subito micro aree ecologiche in Sicilia”

Dalle carte di credito con microchip ai bambolotti parlanti con cui giocano le bambine, dalle macchinine elettriche alle semplici prolunghe che tutti abbiamo in casa o ancora il piccolo telecomando per automazione, per fare alcuni esempi: da agosto prossimo saranno considerati RAEE ...
Leggi Tutto

“Graffiti”, a Palermo workshop di fotografia con gli spagnoli Riccardo Cases e Antonio Xoubanova

Workshop di fotografia a Palazzo Sambuca, a Palermo, con i fotografi spagnoli, di fama internazionale, Riccardo Cases e Antonio Xoubanova. L'evento, dal nome "Graffiti", rientra al'interno della rassegna Outer Circle, che si svolgerà per tutto il periodo della Biennale negli spazi di ...
Leggi Tutto
Il futuro della Sicilia sull'asse Palermo-Roma

Società a controllo pubblico, Armao: “Tema centrale nell’azione di governo”

Nell’ambito del convegno dal titolo -Le società a Controllo Pubblico- che si terrà nell’intera giornata di oggi e di domani a Villa Malfitano a Palermo, nella sessione pomeridiana odierna, con inizio alle ore 14.30, interverrà il Vice Presidente della Regione ...
Leggi Tutto

La Traccia, una spy story con venature esistenziali firmata Luciano Zaami

Perché un antiquario italiano vuole contattare il capo carismatico della resistenza al regime dittatoriale di una capitale europea? Per scoprirlo bisognerà seguire... La Traccia (o quanto meno bisognerà leggerla), il terzo romanzo di Luciano Zaami, scrittore nisseno oggi trapiantato a ...
Leggi Tutto

Daniele Billitteri

Direttore editoriale

Pin It on Pinterest