Violento nubifragio a Palermo: strade allagate, alberi divelti e voli cancellati

Un violento nubifragio, come da previsioni, si è abbattuto sul capoluogo siciliano questa notte, intorno all’una, svegliando bruscamente i palermitani in casa e mettendo in grande difficoltà quelli che si trovavano per strada. Una vera bomba d’acqua e di grandine che in pochi minuti ha messo a soqquadro la città, tra strade allagate, tombini esplosi e alberi sradicati dalla furia del vento.

Sono stati 80 gli interventi eseguiti in queste ultime ore dai Vigili del Fuoco. Allagamenti e infiltrazioni d’acqua sono stati registrati in tutta Palermo come, ad esempio, in via Messina Marine, dove si trova l’ospedale Buccheri La Ferla, e davanti il Policlinico, con non pochi disagi per i due nosocomi. Allagato anche viale Regione Siciliana, ma tante altre le strade nelle stesse condizioni, dal centro alla periferia. Tra le zone maggiormente colpite quella di corso Calatafimi. Fin da stanotte – informa la Polizia Municipale su Twitter – Protezione Civile, Amap e Rap sono al lavoro per eliminare le criticità dovute agli allagamenti e ai danni causati dalle buche sul manto stradale o dagli alberi caduti. Colpiti dal nubifragio pure i paesi della fascia orientale del capoluogo, da Altavilla Milicia a Cefalù.

Disagi si sono registrati nel trasporto aereo con due voli Ryanair, questa mattina, cancellati: il Palermo-Roma delle 6:25 e il Palermo-Verona delle 6:30. Ieri la compagnia irlandese ha annullato oltre settanta voli in tutta Europa, tra cui anche il Palermo-Marsiglia. Ed è così che all’alba di oggi un gruppo dei passeggeri ha protestato contro la cancellazione del volo piazzandosi alle uscite del gate. Una protesta durata poco meno di mezz’ora. Al momento gli altri voli risultano regolari.

 

(ph. Studio Camera / Michele Naccari)