Elisabetta, l’imperatrice che voleva essere Sissi

Romy Schneider nel ruolo di Elisabetta di Wittelsbach, "Sissi"
Romy Schneider nel ruolo di Elisabetta, imperatrice di Austria-Ungheria

Imperatrice d’Austria-Ungheria dopo il suo matrimonio con Francesco Giuseppe d’Asburgo, Elisabetta di Wittlesbach, proveniente da una famiglia di costumi semplici sebbene di antica nobiltà germanica, per tutta la vita rimase insofferente alla rigida etichetta della corte di Vienna.

Elisabetta di Wittelsbach, "Sissi"
Elisabetta di Wittelsbach, “Sissi”

I Wittlesbach, storicamente tra le più antiche dinastie d’Europa e la più antica dinastia tedesca, originaria della Baviera di cui furono sovrani per 738 anni (1180–1918), erano principi elettori del Palatinato, annoverando tra i loro fasti anche due imperatori del Sacro Romano Impero e varie corone reali (Ungheria, Danimarca, Norvegia, Svezia, Boemia, Grecia).
Elisabetta apparteneva al ramo cadetto della famiglia Wittelsbach, quella dei duchi “in” Baviera. Il nonno Massimiliano, duca “di” Baviera, era diventato il primo re di Baviera nel 1805 dopo il trattato di Presburgo, con il sostegno di Napoleone, il cui figliastro Eugenio de Beauharnais aveva sposato Augusta di Wittelsbach, figlia di Massimiliano.
Elisabetta era quindi la cugina di Massimiliano II, re di Baviera, padre del celeberrimo Ludwig (Ludovico II di Baviera), suo cugino di secondo grado. Entrambe figure romantiche della fine dell’800 molto amate, Elisabetta fu interpretata al cinema da Romy Schneider nella trilogia di film sulla “Principessa Sissi”, dal 1955 al 1957 , e in “Ludwig” di Luchino Visconti del 1972, in cui Ludovico II era l’attore Helmut Berger.

Ludovico II di Baviera
Re Ludovico II di Baviera

I due Wittelsbach furono realmente legati da una lunga e grande amicizia, condividendo l’amore per l’arte e la natura, e dopo che Ludwig salì al trono, pur essendo omosessuale, annunciò nel gennaio 1867 il fidanzamento con la sorella minore di Sissi, Sofia Carlotta, annullandolo poi l’ottobre dello stesso anno. Ludovico II non si sposò mai. Nel 1886 venne dichiarato pazzo e al suo posto nominato un reggente. Tre giorni dopo morì, quarantunenne, in circostanze poco chiare.

Francesco Giuseppe d'Asburgo
Francesco Giuseppe d’Asburgo

L’imperatrice non perdeva alcuna occasione per stare con i suoi familiari lontano dall’ambiente della corte, che la soffocava. Nel 1857, durante un viaggio in cui Sissi era al seguito del marito con le figlie Sofia e Gisella nelle province ungheresi, Sofia che aveva solo tre anni si ammalò e morì. Elisabetta, che aveva molto insistito per portare con sé le figlie, se ne attribuì la colpa.
Profondamente innamorata del marito Francesco Giuseppe, fu profondamente delusa e ferita dai suoi numerosi tradimenti, di pubblico dominio.
L’amatissima sorella minore Maria Sofia aveva sposato Francesco II di Borbone, succeduto nel 1959 al padre Ferdinando II come re delle Due Sicilie. Quando dopo nemmeno un anno, dopo lo sbarco dei Mille di Garibaldi a Marsala, fu evidente che la coppia era sul punto di perdere il trono di Napoli, Elisabetta chiese al marito che l’Austria intervenisse militarmente, ma nonostante l’imperatore si fosse detto favorevole, il cattivo stato delle finanze austro-ungariche non lo rese possibile. L’inevitabile annessione del regno borbonico da parte dei Savoia incrinò profondamente i rapporti tra lei e Francesco Giuseppe.

Rodolfo d'Asburgo
Rodolfo d’Asburgo

L’unico figlio maschio ed erede al trono (Kronprinz), Rodolfo d’Asburgo, appena trentenne morì suicida nel 1889 a Mayerling, insieme all’amante, la baronessa Maria Vetsera, diciassettenne, uccisa dalla stesso Rodolfo. La morte di Rodolfo provocò la crisi definitiva del matrimonio di Sissi.
Mentre si trovava in incognito a Ginevra, il 10 settembre del 1898, Elisabetta venne riconosciuta e uccisa da un anarchico, che la colpì al cuore con una lima. Aveva sessantuno anni. Riposa accanto al figlio e al marito nella Cripta imperiale di Vienna degli Asburgo.


Timeline del 10 settembre – Accadde oggi, a cura di Filippo Barbaro 

1823 – Simón Bolívar viene nominato Presidente del Perù
1846 – Elias Howe ottiene il brevetto per la macchina da cucito
1898 – Elisabetta di Baviera, meglio conosciuta come la Principessa Sissi, viene assassinata a Ginevra
1977 – Hamida Djandoubi, condannato a morte per l’assassinio di una ragazza, viene ghigliottinato a Marsiglia. Sarà l’ultima esecuzione capitale eseguita in Francia

I NATI OGGI

1940 – Roy Ayers, cantante, vibrafonista e tastierista statunitense
1943 – Marina Morgan, annunciatrice televisiva, conduttrice televisiva e attrice
1945 – José Feliciano, cantante, chitarrista e compositore portoricano

 

 

 

 

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto

Dario Fidora

Direttore editoriale