Tutti insieme nel selfie di fine agosto: Sarahah, il rettore, il pizzo. E le molestie sessuali di un settantenne…

È il mese terribile per le redazioni. Ad agosto si trema, poche notizie, anche la cronaca sembra chiedere le ferie e andare in vacanza. Eppure se si vuole dare credito al mitico Giorgio Tosatti, indimenticabile direttore del Corriere dello Sport (e tanto altro), è ad agosto che si costruiscono le carriere. Meno concorrenza, diceva, e tanto spazio alla fantasia.

Nel nostro selfie di fine agosto (e sono pronto al risarcimento perché il copyright non è mio…) proviamo a far stare nella stessa inquadratura i tanti frammenti di una cronaca non per forza minore. A partire dagli incendi che si sono mangiati il verde di mezza regione a conferma che la commistione di interessi tra “guardie e ladri” rende davvero impari la lotta, soprattutto in presenza di una legislazione che omette l’unica norma che sarebbe efficace: in galera e buttare via la chiave.

Il giorno 1 si è partiti alla grande con i 70 anni del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il dominus della politica del capoluogo che prova, alla sua certo non più giovane età, l’impresa che non gli riuscì all’alba del 2000: prendersi la Regione. Lo fa per interposta persona, imponendo alla coalizione che gira attorno al Pd la candidatura del Rettore dell’Università di Palermo, Fabrizio Micari.

Sempre restando nel campo largo della politica, si comincia a vedere in tutta la Sicilia questa campagna pubblicitaria: “L’unico pizzo che piace ai siciliani”. Al centro dell’immagine un volto stilizzato e volutamente senza contorni. Chi sarà mai, questa dovrebbe essere la domanda. Soluzione: Nello Musumeci, altro candidato (eterno) alla presidenza della Regione. Buona l’idea, avrebbe meritato uno sviluppo migliore. Tra rettore e pizzo, i social intanto mostrano il loro lato migliore, ironia e fantasia a gogò.

Agosto è stato anche il mese di una bizzarra e quasi incredibile raffica di notizie. La più curiosa arriva da Siracusa dove una donna di 70 anni si è svegliata la mattina con uno sconosciuto nudo nel suo letto che la palpeggiava. Era un conoscente che l’aveva aiutata in precedenti lavori domestici e che le aveva clonato la chiave di casa. L’arrapato 74enne è stato denunciato per molestie sessuali.

Sconcia, ma per altri motivi, anche la notizia di Palermo senza acqua per garantire il rifornimento alle navi da crociera. Soltanto postumo il comunicato dell’azienda che si occupa dell’erogazione idrica, nessuna possibilità per i cittadini di attenuare il disagio Come dire: sbagliare 2 volte sullo stesso evento. Dalle parti dell’Amap, dimissioni attese ma non contemplate dal protocollo.

A Valderice, nell’arco di soli 3 mesi, un uomo di Marsala ha rapinato 30 appartamenti. Ovviamente, è stato preso il ladro scarso in geografia. Magari spostarsi un po’ più in là dopo le prime rapine, si sa, nei paesi ci si conosce tutti…

A Palermo un arrestato ai domiciliari continuava a spacciare dal balcone di casa “calando il panaro”. E sempre dal capoluogo una notizia vintage, è tornata la fuitina. Due giovani di 15 e 16 anni hanno rimesso in scena l’antico rituale: fuga d’amore, il “maschio che compromette la femmina”, la famiglia che li riaccoglie, magari dopo qualche “santiata”.

E a proposito di insulti, il giochino cha ha spopolato in questo torrido agosto si chiama Sarahah. Ai nostri tempi c’era il clic – clac, soffrivano i nostri polsi colpiti da quelle stupide (non è vero, erano bellissime…) palline, ma guai a non averle. A Mondello le vendeva il vecchietto – che mai ha avuto un nome – il cui quartiere generale era la panchina di fronte al bar Lido. Oggi il rito masochistico è virtuale: ti registri alla piattaforma Sarahah (malcelato sfottò verso tutte le Sara che hanno la acca finale) e ti prendi, in forma rigorosamente anonima, i commenti dei tuoi amici/nemici. Come un pettegolezzo old style messo in piazza. Però stavolta la piazza è virtuale, vuoi mettere…

Pin It on Pinterest