Caro Battiato, la tua Cura uccide l’amore

Il diario di AnnaIo La Cura di Franco Battiato non la sopporto proprio. È la prova provata che gli uomini di donne non ne capiscono un cappero. La seduzione ha altri codici, altro che correnti gravitazionali e paure delle ipocondrie. E del resto non c’è tanto da meravigliarsi, perché per loro – ci metto anche Manlio Sgalambro, chiamato in correità – le donne sono un oscuro pianeta lontano. La concezione è sempre la stessa, bigotta e intrisa di falsa spiritualità. L’uomo stregone che protegge, ti libera da ogni male e avrà cura di te. Quest’uomo tenetevelo stretto, non ne ho bisogno, grazie. Preferirei fare come Fiorella Mannoia, do it myself, caffè nero bollente tutta la vita.
L’uomo che sogno non è uno scudo ma un compagno di viaggio, non mi precede, sta al mio fianco. È il cavaliere dei miei pensieri e io la principessa dei suoi, quello con cui passeggio ma che non è obbligato a scegliere gli itinerari per avere cura di me. Perché l’amore, caro Battiato, è reciprocità. Il tuo è l’inno alle vedove dei sentimenti, quelle che il marito ce l’hanno ancora ma l’amore sai da quanto tempo è morto?
La Cura è buona per quelle dame di carità che all’amore si accostano piano, come l’ultima palla al boccino, senza passione e con il freno a mano tirato. E si sciolgono davanti a questa preghiera che persino alle messe beat degli anni ’70 sarebbe stata scartata. Basta con questa esaltazione dell’amore cerebrale, quando l’amore con la A maiuscola è ansimare, è sudore, occhi che si cercano, mani intrecciate. È carnalità e sesso, tanto celestiale sesso, il desiderio è romantico, care mie, non i campi del Tennessee (“e chissà come vi ero arrivato, chissà..”) e tutto il vuoto corollario di belle parole che i due, Battiato e Sgalambro hanno concepito a Milo. Fottendosi di ridere, secondo me, perché sapevano di stare per confezionare il pacco del secolo, una canzone d’amore che parla di castità. Io amo i graffi di Aretha, il soul che è musica dell’anima, il rock che mi scuote dentro, gli sguardi raffinati di David e Lou che scrutano le finestre del desiderio.
Onde per cui giuro solennemente che al prossimo che mi dedica La Cura lo mando affanculo in stereodigitalsurround. E non se ne parla più.

Teatro del Fuoco Kids

Inizia Teatro del Fuoco Kids, lo spettacolo con il fuoco ed il corso di teatro per i bambini

Il Teatro del Fuoco Kids, nato come sezione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival, ha lo scopo di stimolare le emozioni del bambino, si realizza per il periodo di autunno ed inverno 2018/19 da Elementi Creativi di via Tommaso ...
Leggi Tutto
Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto
Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto
Tutte le facce di Facebook

Tutte le facce di Facebook, un libro da condividere

Dopo la nascita di Facebook, niente è stato più come prima. E noi, come siamo sopravvissuti? Ce lo racconta Riccardo Lo Bue nel suo libro Tutte le facce di Facebook. Giovani e meno giovani, pensionati e studenti, uomini e donne: ...
Leggi Tutto