Caro Battiato, la tua Cura uccide l’amore

Il diario di AnnaIo La Cura di Franco Battiato non la sopporto proprio. È la prova provata che gli uomini di donne non ne capiscono un cappero. La seduzione ha altri codici, altro che correnti gravitazionali e paure delle ipocondrie. E del resto non c’è tanto da meravigliarsi, perché per loro – ci metto anche Manlio Sgalambro, chiamato in correità – le donne sono un oscuro pianeta lontano. La concezione è sempre la stessa, bigotta e intrisa di falsa spiritualità. L’uomo stregone che protegge, ti libera da ogni male e avrà cura di te. Quest’uomo tenetevelo stretto, non ne ho bisogno, grazie. Preferirei fare come Fiorella Mannoia, do it myself, caffè nero bollente tutta la vita.
L’uomo che sogno non è uno scudo ma un compagno di viaggio, non mi precede, sta al mio fianco. È il cavaliere dei miei pensieri e io la principessa dei suoi, quello con cui passeggio ma che non è obbligato a scegliere gli itinerari per avere cura di me. Perché l’amore, caro Battiato, è reciprocità. Il tuo è l’inno alle vedove dei sentimenti, quelle che il marito ce l’hanno ancora ma l’amore sai da quanto tempo è morto?
La Cura è buona per quelle dame di carità che all’amore si accostano piano, come l’ultima palla al boccino, senza passione e con il freno a mano tirato. E si sciolgono davanti a questa preghiera che persino alle messe beat degli anni ’70 sarebbe stata scartata. Basta con questa esaltazione dell’amore cerebrale, quando l’amore con la A maiuscola è ansimare, è sudore, occhi che si cercano, mani intrecciate. È carnalità e sesso, tanto celestiale sesso, il desiderio è romantico, care mie, non i campi del Tennessee (“e chissà come vi ero arrivato, chissà..”) e tutto il vuoto corollario di belle parole che i due, Battiato e Sgalambro hanno concepito a Milo. Fottendosi di ridere, secondo me, perché sapevano di stare per confezionare il pacco del secolo, una canzone d’amore che parla di castità. Io amo i graffi di Aretha, il soul che è musica dell’anima, il rock che mi scuote dentro, gli sguardi raffinati di David e Lou che scrutano le finestre del desiderio.
Onde per cui giuro solennemente che al prossimo che mi dedica La Cura lo mando affanculo in stereodigitalsurround. E non se ne parla più.

Tonnara Bordonaro a Vergine Maria, Palermo

Borgata marinara di Vergine Maria. Questa sera elogio alla bellezza con “Le favole del mare” di Salvo Piparo

“Le favole del mare” di Salvo Piparo per celebrare Vergine Maria. Un elogio alla bellezza di una borgata marinara che giorno dopo giorno lotta per recuperare la propria identità. Un’identità legata al mare, alla pesca. Agli uomini del mare, ai ...
Leggi Tutto
L'ordine delle cose

Mafia liquida e il film “L’ordine delle cose”, concludono a Scicli “Libero Cinema in Libera Terra”

Obiettivo della rassegna itinerante è rispondere alla violenza mafiosa attraverso la visione di film capaci di stimolare il dialogo e il confronto Si conclude a Scicli (Ragusa), domenica 5 agosto, il viaggio di Libero Cinema in Libera Terra. L’ultima tappa ...
Leggi Tutto

Carini, il 9 agosto lo spettacolo Siciliani sotto le stelle con Stefano Piazza e Marcello Mandreucci

Aspettando che a San Lorenzo le stelle cadenti si facciano ambasciatrici dei nostri desideri, a Carini gli astri nascenti siciliani e le star affermate del territorio ci daranno un anticipo della notte più stellata dell'anno sul palco dell'Anfiateatro Villa Belvedere ...
Leggi Tutto

Vergine Maria e Arenella, partite le Miniolimpiadi

Beach volley, beach soccer, pallavolo e tanti altri sport per i più piccoli, ma anche burraco e bocce per gli anziani. Si chiamano miniolimpiadi ma si tratta di un'iniziativa aperta a tutti gli abitanti delle borgate marinare di Vergine Maria, ...
Leggi Tutto