Triscina, 170 le case abusive: a ridosso della battigia, dovranno essere demolite

Sono 170 le case abusive a Triscina, nel Trapanese, che, costruite in una zona con vincolo di inedificabilità assoluta e sorte entro i 150 metri dalla battigia, dovranno essere demolite.

“Questo numero – afferma Salvatore Caccamo, uno dei tre commissari alla guida del Comune sciolto per mafia lo scorso mese di giugno – emerge da una prima ricognizione che abbiamo effettuato nelle ultime settimane per capire, tra l’altro, se le abitazioni sono ancora occupate dai proprietari”. Ma ad esso si potrebbero aggiungere altre abitazioni, “in quanto per alcune – prosegue il commissario – è stata presentata istanza di sanatoria, il cui procedimento in certi casi si è concluso con il rigetto, e per altre è in corso un iter giudiziario. Per otto fabbricati l’ordinanza di demolizione è già pronta”.

E a quanto pare dovranno essere i titolari delle case a farsi carico della demolizione. “Qualora ciò non avvenisse – conclude Caccamo – il Comune agirà in via sostitutiva rivalendosi poi sempre sui proprietari”.