Il triste destino di Brignani, regista e uomo d’altri tempi

Francesco BrignaniFrancesco Brignani è stato il classico uomo dietro le quinte, come i registi di un tempo che sul campo si notavano poco, a volte più quando non c’erano, per dirla con Massimo D’Alema. Arrivò a Palermo in una delle più travagliate stagioni degli anni ’70, quella che cominciò con Tonino De Bellis in panchina e finì con Nando Veneranda che allenava per telefono, essendo impegnato al Supercorso di Coverciano.

Brignani veniva dall’avventura straordinaria con il Cesena di Mannuzzi (prima promozione in serie A) e dalla delusione della Lazio che lo chiamò per sostituire Mario Frustalupi, uno dei totem dello storico primo scudetto del 1974. L’aria del professorino, tipica del ruolo, un po’ l’aveva. Ma le apparenze spesso ingannano, era timidezza più che superbia. E questo non gli giovò specie in presenza di un allenatore – Veneranda, per l’appunto – che preferiva giovani da plasmare piuttosto che giocatori di personalità. Il conflitto fu sempre lasciato ai margini, fece il pieno di cazziatoni ma reagì sempre da grande professionista, mettendo a disposizione del Palermo corsa, fatica e fosforo. Non faceva gol, poche interviste, parole sempre misurate. Anche per questo fu (al limite) stimato e mai amato.

Centrocampista atipico, quello che oggi piacerebbe assai, aveva tutto anche se non eccelleva in niente. Se vogliamo, con le dovute proporzioni, un po’ come Lucas Biglia. Atipico anche fuori del campo: leggeva saggistica, si interessava di politica, soffriva i riti del ritiro, troppo goliardici per un giovane di 26 anni che aveva già dentro la maturità di un adulto consumato.

Come allenatore professionista non sfondò, forse non gli interessava neanche, perché per lui il calcio era anche e soprattutto stare a contatto con i giovani. Il destino gli tagliò la strada il 27 agosto del 1993: un infarto mentre faceva jogging nei viali di Cervia, nello stesso maledetto distretto dove la sorte voltò le spalle a Gianni De Rosa.


Timeline del 27 agosto – Accadde oggi, a cura di Filippo Barbaro

1176 – Giovanna d’Inghilterra inizia il lungo viaggio alla volta di Palermo per sposare il re Guglielmo II di Sicilia
1859 – Il petrolio viene scoperto a Titusville (Pennsylvania). È il primo pozzo petrolifero redditizio del mondo
1939 – Primo volo di un aereo a reazione

I NATI OGGI

1770 – Georg Wilhelm Friedrich Hegel, filosofo tedesco
1909 – Lester Young, sassofonista statunitense 
1931 – Sri Chinmoy, religioso e poeta indiano
1937 – Alice Coltrane, pianista, organista e arpista statunitense
1970 – Francesca Schiavo, attrice e cantante

Foto di Fabio Sgroi - Rep. Ceca 2008 @ Fabio Sgroi

Fabio Sgroi / Un reportage in bianco e nero in quattordici paesi europei

Past Euphoria-Post Europa, libro fotografico di Fabio Sgroi, è la storia di un viaggio che attraversa in lungo e largo i Paesi dell’est Europa continentale. È un viaggio nel tempo, che coglie i diversi passaggi di un percorso articolato e complesso, ...
Leggi Tutto
Convegno Cgil Sicilia, Gianna Fracassi: "Il dibattito sul consumo di suolo e rigenerazione urbana è di fatto assente dall'agenda politica di questo Paese"

Fracassi (Cgil), “I temi della rigenerazione urbana sostenibile assenti dall’agenda politica del Paese”

Il dibattito sulla rigenerazione urbana sostenibile, presieduto dalla segretaria regionale della Cgil Sicilia Mimma Argurio e coordinato dal segretario generale di Cgil Catania Giacomo Rota, e quello sull'analisi degli studiosi di settore invitati dal sindacato, sono stati i temi principali ...
Leggi Tutto
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito la medaglia di rappresentanza al Teatro Libero di Palermo per i 50 anni di attività

Mattarella conferisce la medaglia di rappresentanza al Teatro Libero di Palermo

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha conferito la medaglia di rappresentanza al Teatro Libero di Palermo in occasione del cinquantesimo anno di attività. Si tratta di un riconoscimento che viene attribuito a discrezione del Presidente della Repubblica a iniziative ritenute ...
Leggi Tutto
Sembrava a un passo dalla scarcerazione ma Dell'Utri resta in prigione per un conflitto di competenze della Corte d'appello di Caltanissetta

Conflitto di competenza, Dell’Utri resta in carcere: decisione rinviata al prossimo 8 marzo

Sembrava a un passo dalla scarcerazione ma l'ex senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri, condannato a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, resta, almeno per il momento, in prigione. La Corte d'appello di Caltanissetta, che avrebbe dovuto decidere ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest