Ho fatto l’amore con una sconosciuta

A volte basta un segno, caro diario, e una giornata come altre diventa la giornata. Una musica dimenticata che ti assale proprio nel momento in cui accendi la radio, una pagina di un libro ripescato dai gorghi del comodino, oppure un’immagine che ti svuota e ti riempie.

E questa volta è stato proprio un disegno, una cosa che per me è ancora magia, la capacità di esprimersi toccando le corde di uno strumento che non sia la parola. Usare un alfabeto altro, padroneggiarlo con semplicità, utilizzare le mani, gli occhi, la memoria, la fantasia.

Davanti ad un quadro o ad un semplice schizzo mi si accende il motore dei sensi. E non importa la tecnica, olio su tela o graffito, pennello o matita: se mi colpisci mi hai stesa. Non accade spesso. So apprezzare il bello universale, le opere d’arte mi affascinano, ho visitato musei e gallerie ricavandone piacere. Ma il turbamento è altro, è ciò che scatena la fantasia, che arriva al plesso solare, lo scrigno dove si depositano le emozioni e si aggrovigliano i nodi della vita. È ciò che ti fa scattare la voglia di toccare quell’immagine e raggiungere la sua dimensione che non vedi piatta ma reale. È la sensualità che ti parla, è un tuffo negli abissi, mano nella mano. È apnea.

Siamo di fronte all’arte? Non è detto. Siamo di fronte alla vita e alle sue debolezze, chi disegna e chi guarda uniti da un filo sottile. Chi crea l’immagine non saprà mai di aver fatto l’amore con te, un attimo breve e intenso in cui ogni strisciata di pennello, ogni macchia e ogni sfumatura ha la forza emotiva di una preghiera. Prego perché tu sia mia.

Siamo di fronte alla vita e ai suoi piaceri. Supera il banale surplace di un amplesso e ti fa venire voglia di fare l’amore. Si, con lei, quella sconosciuta di spalle che puoi solo immaginare ma che ti ha già trascinato nel vortice del desiderio. Le guardi il collo e immagini il suo viso e segui con lo sguardo le linee dei suoi fianchi. E vuoi scioglierle i capelli e sentire il profumo della sua pelle. Dolce Sara, compagna di una mattina, poco importa che sia tua o di Modigliani la perfetta imperfezione del tratto. Ti ho guardato e riguardato. Hai rapito le mie ore e non ho ancora pagato il riscatto.

Ferrandelli in Sala delle Lapidi, Municipio di Palermo, Palazzo delle Aquile

+Europa, Ferrandelli riunisce delegazione siciliana: oltre 200 in partenza per il congresso nazionale a Milano

"Un Mezzogiorno orgoglioso delle proprie potenzialità, che da coda d’Europa può diventarne testa".  Partiranno dalla Sicilia in 203 per il Congresso fondativo di +Europa che si terrà a Milano dal 25 al 27 gennaio. A chiamare a raccolta gli iscritti ...
Leggi Tutto
Claudio Fava e Gaetano Armao

Giunta Musumeci propone prelievo dal fondo pensioni regionali, Armao: “Coperture tecniche provvisorie”. Fava: “I soldi dei lavoratori non sono bancomat”. Cisl: “Vigileremo”

 "Dopo aver attaccato i diritti sociali, il Governo Musumeci attacca i diritti dei lavoratori regionali". Lo ha dichiarato Claudio Fava con riferimento alla proposta fatta dal Governo per la  riduzione del fondo per l'anticipo del TFR. La possibilità di richiedere ...
Leggi Tutto
Danilo Toninelli

Infrastrutture e lavoro, Filca Cisl al ministro Toninelli: “Proseguire le opere già iniziate dalla Cmc”

La Filca Cisl chiede al ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, di convocare un tavolo tecnico sul futuro del cantiere Bolognetta - Lercara, avviato dalla Cmc. "Nei primi giorni di febbraio - affermano Filippo Ancona e Francesco Danese (Filca Cisl Palermo ...
Leggi Tutto
incursioni contemporanee,

Incursioni contemporanee, l’ultimo appuntamento è “Ardente”, di Loredana Longo

Ultimo appuntamento con la rassegna Incursioni contemporanee, curata da Sergio Troisi, con “Ardente”, di Loredana Longo, che si inaugurerà a Villa Zito, venerdì 25 gennaio alle 18.30. Realizzata in collaborazione con il Comune di Palermo, la Regione Sicilia e Visiva ...
Leggi Tutto