Ortofrutta in crisi, calano i consumi, forte concorrenza dei paesi extraeuropei

Crisi agricoltura, produttori ortofrutta in ginocchio, travolti dalla concorrenza extraeuropea. La grande distribuzione impone prezzi di acquisto sotto costo, con ricarichi al consumo ingiustificati

“Brutto momento per la nostra agricoltura. Da un lato la siccità sta creando difficoltà a molte produzioni, dall’altro la contrazione dei consumi alimentari si somma alla concorrenza delle produzioni dei paesi terzi sui mercati nazionali ed europei. Così i prezzi di acquisto al produttore restano bassi e le aziende fanno fatica ad andare avanti.” L’allarme viene segnalato da Giovanni Basciano, responsabile AGCI Agrital Sicilia. “L’ortofrutta è stato un comparto di assoluto rilievo in vaste aree della Sicilia, modificando profondamente l’economia di quei territori che oggi rischiano di essere riportati drasticamente indietro, distruggendo il tessuto dei piccoli e medi produttori. Urge un profondo ripensamento da parte di tutti gli attori del sistema per cercare soluzioni che permettano di uscire dalla stagnazione.”
A Ragusa, dove la crisi del settore è fortemente sentita, alcune associazioni di produttori hanno posto in vendita i loro prodotti nel piazzale antistante due ipermercati, per protesta contro la grande distribuzione che acquista dai produttori ortofrutticoli a pochi centesimi caricando sovrapprezzi ingiustificati a carico dei consumatori.

Pin It on Pinterest