E Figuccia attacca Ferrandelli: “I soliti inciuci a danno dei palermitani”

L’opposizione che ringhia nelle mani di una donna. Sabrina Figuccia rifiuta il piano di Fabrizio Ferrandelli: non voterà né Salvatore Orlando e neanche Giulio Tantillo, uomo del suo stesso partito ma con il quale è in rotta di collisione già da prima della seduta inaugurale del Consiglio Comunale.

“Lascio i giochi di vuota retorica a chi forse ha già deciso tutto prima ancora che venga discusso, non rispettando non soltanto i propri elettori ma anche il ruolo istituzionale che riveste”.

Se quest’ultimo passaggio richiama proprio Ferrandelli al suo ruolo di leader dell’opposizione, la seconda parte è un vero e proprio pugno nello stomaco. “Temo che a prevalere saranno decisioni sbandierate come fossero prese per il bene della città mentre sono soltanto a danno dei palermitani. Ecco perché il mio voto di oggi, come quello che ho espresso per un nuovo sindaco, sarà all’insegna della discontinuità con un recente passato. A trionfare dovrebbe essere la democrazia e il libero pensiero di ogni consigliere e non i soliti inciuci di palazzo”.

Pin It on Pinterest