Culotta, una proposta di legge per gli artisti da strada. La nostra dedica è per Barnelli, colonna sonora de L’Altra Domenica di Arbore

Il sindaco di Pollina e deputato nazionale del Pd, Magda Culotta, ha presentato una proposta di legge per il riconoscimento delle arti di strada come forme di espressione artistica. Perché, strano a dirsi, in Italia, i performer che si esibiscono nelle strade di quasi tutte le città italiane non hanno un vero e proprio status giuridico.

“A Pollina, per diversi anni, abbiamo scommesso sul Valdemone Festival – sottolinea Culotta – evento nato su proposte dell’Associazione Tanto di Cappello e che ci ha fatto conoscere un mondo di cui non si sapeva abbastanza. Sono stati anni di contaminazione umana e culturale. Un incontro determinante è stato quello con gli artisti della Federazione Nazionale Arte di Strada con cui abbiamo cominciato un percorso di cui questa proposta di legge è il primo atto ufficiale”.

E su questa iniziativa parlamentare c’è una dedica che nasce spontanea, ad uno dei personaggi che più di altri in Italia ha fatto conoscere le arti di strada. Si tratta di Barnelli, celebre metà del duo di musicisti che animò le prime stagioni de L’Altra Domenica di Renzo Arbore. Barnelli è morto ieri due giorni fa all’ospedale di Grosseto. Il suo vero nome era Bernd Witthuser, aveva 73 anni e da circa 40 aveva deciso di vivere in Italia, precisamente nella zona della Maremma. Musicista polistrumentista, fu tra i primi a modificare la tradizione dei musicisti di strada, spesso votata alla musica contemporanea assicurandole anche un tratto circense e bandistico.

In tv erano la colonna sonora portatile della trasmissione di Arbore che alla fine degli anni ’70 modificò i canoni della proposta Rai della domenica pomeriggio, sfornando una galleria di personaggi anticonvenzionali, da Mario Marenco a Andy Luotto, da Michel Pergolani alle sorelle Bandiera, e poi Marisa Laurito, Isabella Rossellini sino allo stesso Roberto Benigni alle prese con improbabili critiche cinematografiche

Una legge per le arti e gli artisti di strada

Lo Stato Italiano NON riconosce ufficialmente le arti e gli artisti di strada!Per questo ho presentato una proposta di legge per per il riconoscimento delle arti di strada come forme di espressione artistica.Qui il testo https://goo.gl/Zf2vGrNegli anni in cui come Sindaco di Pollina ho scommesso sul Valdemone Festival Fanpage, manifestazione nata su proposta dell’associazione “Tanto di Cappello”, ho imparato a conoscere un mondo di cui in effetti non conoscevo abbastanza.Sono stati anni di contaminazione umana e culturale frutto della conoscenza con diverse persone ed artisti. Fra questi quelli del FNAS (Federazione Nazionale Arte di Strada) con cui abbiamo iniziato, quello che sicuramente sarà un lungo percorso, ma che ad oggi vede questo primo atto ufficiale:una proposta per il riconoscimento delle arti di strada come forma di espressione artistica da parte dello Stato Italiano.

Pubblicato da Magda Culotta su Venerdì 4 agosto 2017

Francesco Benigno

L’attore Francesco Benigno condannato per le minacce via Whatsapp al dj Sasà Taibi

Dovrà pagare una multa di 300 euro, risarcire la vittima con 1.500 euro e pagare le spese processuali L’attore palermitano Francesco Benigno è stato condannato dal giudice di pace a seguito del procedimento penale che si è chiuso ieri. Benigno ...
Leggi Tutto
malinconia, donna in riva al mare

Assostampa: “Trattare le notizie di suicidi con responsabilità ed evitando sensazionalismi”

Assostampa Trapani ha rivolto un appello ai colleghi giornalisti, affinché le notizie riguardanti i casi di suicidio vengano a trattate con responsabilità ed evitando i sensazionalismi. Il richiamo arriva in seguito al suicidio di una giovane di Marsala e di ...
Leggi Tutto

Come fratelli: dramma teatrale di mafia, amicizia e scelte

Nuove date per Come fratelli, il dramma in atto unico che andrà in scena il 19 luglio a Villa Filippina, a Palermo inizio spettacolo 21.30, e il 12 Agosto a Cinisi, alla Tonnara dell'orsa. Il testo, scritto da Giovanni Libeccio, vede ...
Leggi Tutto
Vucciria, La "Santa Morte" sfregiata

Sfregiato il murales “La Santa Morte” alla Vucciria

Atto vandalico a piazza Garraffello, in pieno centro storico a Palermo. È stato sfregiato il murales “La Santa Morte”, opera firmata da Igor Scalisi Palminteri, dipinta nel maggio scorso sullo spazio che si affaccia sulla celebre piazza della Vucciria. Nelle ...
Leggi Tutto

ilGaz.it

Direttore editoriale