Marilyn Monroe: “Guarda avanti, perchè è lì che siamo diretti”

“Non accetto consigli da gente che non ha lottato per avere ciò che ha”, è tra le frasi di Marilyn Monroe quella che forse la descrive meglio. Nata nel 1929 a Los Angeles, ebbe un’infanzia difficile. Incerta l’identità del padre, la madre Gladys, affetta da disturbi mentali, non poté prendersi cura di lei, che trascorse quindi i primi anni della sua vita in affido o in orfanotrofio, subendo disattenzioni e violenze. A 16 anni nel 1942 sposò un compagno di scuola, che si arruolò nel 1944 nella marina mercantile.

Marilyn lavorava in una fabbrica di paracaduti quando, nel 1945, il fotografo David Conover la ritrasse per documentare il lavoro femminile nel periodo bellico in un servizio per la rivista Yank. Il 26 aprile 1946, all’età di 19 anni e mezzo, una sua foto scattata da André De Dienes venne scelta per la copertina di Family Circle, una delle riviste femminili più prestigiose negli Usa. A vent’anni, nel giugno del 1946, divorziò, si schiarì i capelli e cambiò il nome in Marilyn Monroe.

Servizio fotografico di Tom Kelley, "Marilyn Monroe on the red velvet"
“Marilyn Monroe on the red velvet”, fotografata da Tom Kelley

Il 24 agosto 1946 firmò il suo primo contratto cinematografico con la Fox della durata di sei mesi, per un compenso di 125 dollari a settimana. Durante i primi anni della sua carriera alternò periodi di lavoro con momenti in cui soffrì letteralmente la fame, vivendo di espedienti. Fece anche la spogliarellista e nel 1949 posò nuda per 50 dollari, che le servivano per pagare l’affitto, in un servizio fotografico di Tom Kelley utilizzato per un calendario dove non appariva il suo nome. Le foto di “Marilyn Monroe on the red velvet” divennero popolarissime dopo il 1952, quando l’attrice aveva già raggiunto la notorietà. Hugh Hefner comprò i diritti di utilizzazione del servizio per il primo numero di Playboy nel 1953.

Il suo primo ruolo cinematografico da protagonista fu nei panni di una babysitter psicolabile in “La tua bocca brucia” nel 1952. Nel ’53 con “Niagara”, al fianco di Joseph Cotten, ottenne la definitiva consacrazione, che la portò a essere considerata una delle più grandi stelle del cinema. Nel 1954 ottenne il premio del Golden Globe come migliore attrice del mondo.
Marilyn sposò nel 1954 il giocatore di baseball Joe Di Maggio, da cui divorziò nel giro di un anno, un mese dopo l’ultima furibonda lite di gelosia del marito, presente alle riprese della celebre scena di “Quando la moglie è in vacanza” di Billy Wilder, in cui la gonna del vestito bianco di Marilyn viene sollevata dal passaggio di un treno della metropolitana.
Dopo il divorzio con Di Maggio iniziò una relazione con Frank Sinatra. Si trasferì quindi a New York per studiare all’Actor’s Studio. Il 23 febbraio 1956 Marilyn Monroe divenne il suo nome legale. Con il commediografo Arthur Miller, è un colpo di fulmine: i due si sposarono nel giugno del 1956. Nel 1958 Marilyn ricevette dalle mani di Anna Magnani la Targa d’oro del premio David di Donatello come migliore attrice straniera per i film “Il principe e la ballerina”, diretto e interpretato da Laurence Oliver. Nel 1960 le fu riconosciuto il Golden Globe come migliore attrice per “A qualcuno piace caldo” di Billy Wilder. In questo periodo divenne intensa una relazione segreta con John Fitzgerald Kennedy, che Marilyn accompagnò più volte sull’aereo presidenziale Air Force One. Dopo la separazione ufficiale nel 1960, il divorzio con Arthur Miller avvenne il 24 gennaio 1961.

Morte di Marilyn Monroe, la copertina del Daily News
Morte di Marilyn Monroe, la copertina del Daily News

Il 19 maggio 1962, durante i festeggiamenti per il compleanno del presidente Kennedy al Madison Square Garden, cantò davanti a circa 15.000 persone “Happy Birthday, Mr. President”, indossando un abito color carne (costato allora 2500 dollari e venduto nel 2016 all’asta a Los Angeles per 4,8 milioni di dollari). Dopo che John Kennedy decise di prendere le distanze dall’attrice, lei frequentò anche il fratello Robert, che fu il suo ultimo amante.
Marilyn Monroe venne trovata priva di vita nella camera da letto della sua casa di Brentwood, a Los Angeles, il 5 agosto 1962, all’età di trentasei anni. Nuda e con in mano la cornetta del telefono.


Timeline del 5 agosto – Accadde oggi, a cura di Filippo Barbaro

1884 – La prima pietra della Statua della Libertà viene posata su Bedloe’s Island, a New York
1905 – In Francia ha luogo la prima riunione di campeggiatori en plein air. Viene considerata la nascita ufficiale del campeggio
1948 – Vittorio Pozzo dà le dimissioni da allenatore della nazionale di calcio dell’Italia dopo quasi vent’anni e due titoli mondiali vinti
1962 – L’attrice e sex symbol Marilyn Monroe viene trovata morta nella sua casa di Los Angeles, apparentemente a causa di un’overdose di sonniferi
1989 – Assassinio di Antonino Agostino e Ida Castelluccio. Nino Agostino, poliziotto della Questura di Palermo e agente segreto (SISDE), viene ucciso insieme alla moglie da un gruppo di sicari mentre sta entrando a casa a Villagrazia di Carini (Palermo). Si era sposato il mese prima e la moglie era incinta di due mesi.
2012 – Il corridore giamaicano Usain Bolt stabilisce il nuovo record olimpico per la seconda volta nei 100 metri piani di atletica leggera alle Olimpiadi di Londra

I NATI OGGI

1848 – Agostino Pepoli, letterato e mecenate
1850 – Guy de Maupassant, scrittore e drammaturgo francese
1930 – Neil Armstrong, astronauta e aviatore statunitense
1941 – Carla Gravina, attrice
1941 – Airto Moreira, percussionista brasiliano
1946 – Rick van der Linden, compositore e tastierista olandese
1947 – Carlo Freccero, autore televisivo
1963 – Salvo La Rosa, conduttore televisivo, giornalista e autore televisivo
1968 – Marine Le Pen, politica francese
1972 – J-Ax, rapper, cantautore e produttore discografico

 

 

Pin It on Pinterest