Evola-Forello, ticket di presidenza: scatta il trappolone di Giusto Catania

Consiglio comunale, in alternativa alla presidenza di Totò Orlando con Giulio Tantillo vicepresidente, soluzione caldeggiata dal Sindaco, Giusto Catania propone Barbara Evola e Ugo Fiorello.

Il trappolone è scattato, il piano di Leoluca Orlando di blindare in ticket Totò Orlando e Giulio Tantillo potrebbe naufragare impallinato dal fuoco amico. O quasi. Il sindaco pensava di avere in pugno la situazione dopo il via libera del Pd e di Sicilia Futura e nonostante qualche naturale dissenso interno da parte di chi proprio non comprende nel merito e nella sostanza l’esigenza di concedere un secondo mandato al presidente uscente.

Ci ha pensato Giusto Catania, leader e portavoce di Sinistra Comune ad animare la discussione proponendo la candidatura di Barbara Evola alla presidenza e concedendo all’opposizione la scelta più naturale, cioè Ugo Forello, capo del gruppo più rappresentato in Consiglio e consigliere più votato. Sul nome di Forello c’era già stato un pronunciamento favorevole di Marianna Caronia, quasi a volere sottolineare che da tutte le opposizioni in Consiglio non è gradita l’imposizione di Tantillo. La coppia Evola-Forello non farebbe fatica, peraltro a incassare il gradimento anche da quei consiglieri distanti per ideologia ma uniti dall’intento di sparigliare quelle carte che Orlando prematuramente pensava di avere già appattato. Scontato l’appoggio dei Cinquestelle, ovvia l’adesione dei Coraggiosi e del fronte Ferrandelli, probabile anche il sì di Sabrina Figuccia che per prima ha sollevato il problema della vice presidenza destinata all’opposizione.

Se il sindaco insisterà sul suo binomio, correrà il rischio di incassare la prima sconfitta della nascente consiliatura perché sul nome della Evola potrebbero convergere anche alcuni di quei 4 o 5 consiglieri che apertamente sono contrari a Totò Orlando e ancor di più a Giulio Tantillo. Un pensiero che gli guasterà, almeno in parte la festa per i suoi 70 anni

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto