Confess, web serie sul mondo degli appuntamenti online, premio per la migliore regia al Sicily Web Fest

Potrebbe sembrare che una serie sul mondo degli appuntamenti via internet sia, naturalmente, a sfondo sessuale. Ma Confess, una produzione israeliana, è più equivoco che erotico, concentrandosi sull’aspetto emotivo degli incontri. La web serie è stata premiata qualche giorno fa per la miglior regia nella terza edizione del Sicily Web Fest, il festival internazionale delle web series che si svolge a Ustica.
Per i filmakers la televisione israeliana, incubatrice di serie di successo come “In Treatment” e “Homeland”, è da tempo uno degli indicatori delle tendenze globali del piccolo schermo. Ora gli sviluppatori di serie nel minuscolo paese stanno esplorando una nuova frontiera: il web.
“Mi sono reso conto che nessuno racconta la storia della nostra moderna sessualità in un modo con cui possiamo identificarci,” dice Moshe Rosenthal, il 31enne creatore della serie.
Ogni video di Confess inizia con uno scambio di messaggi tra due persone che presumibilmente si sono incontrate su un’applicazione hookup, come Tinder o Grinder, e hanno deciso di incontrarsi: alcuni esplicitamente per il sesso, altri per vedere cosa potrebbe succedere. Sul sito web, gli otto video – ciascuno di non più di 10 minuti e in ebraico con i sottotitoli in inglese – sono identificabili dai personaggi, dando al sito il tocco di un’applicazione online di dating. Qui il canale YouTube.
Il formato della webserie è nuovo per Rosenthal, che ha creato in precedenza film indipendenti come “Shabbaton” – su una serata ribelle di insegnante di storia di mezza età – per il quale ha vinto il premio miglior regista al Festival di Gerusalemme del 2016.
Anche se “Confess” si basa sulle storie di altre persone, la serie è sottilmente autobiografica. Rosenthal ha iniziato il processo di ricerca analizzando i suoi stessi incontri online.
“Hardcore”, che è il video più sessualmente esplicito della serie (ma per chi avesse problemi, basta non vederlo, soprattutto sul web), ha reso difficile la distribuzione di “Confess” sui social.


Se si vogliono attivare i sottotitoli in inglese, bisogna attivarli cliccando sul simbolo della ruota dentata

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto

Dario Di Gesù

Direttore editoriale