“Ciao Valentina”: i giovani che fuggono da città senza futuro

Il suo nome è Valentina. Ricorderemo a lungo le sue parole, cariche di rabbia e passione. E quell’ironia che cela pathos e dolore, il paradigma di una generazione delusa che non ha avuto scelta. Nel suo immaginario dialogo con Palermo c’è il senso del destino di molti giovani che guardano verso un altro orizzonte. Costretti a guardare altrove per trovare un’idea di futuro. La loro avventura parte con un peccato originale, non c’è gioia, è la rabbia che fa recidere con violenza le radici, prima che sia troppo tardi. E si parte alla ricerca di altri suoni, altri colori e altri tramonti. Di questa Palermo e di questa Sicilia ammaliatrice per chi viene ma poi va, non sanno più che farsene. L’amore che stordisce che cede il passo ad una separazione ragionata, prima che le spira della nostalgia ti stritolino e che l’impossibilità di sognare sfregi per sempre i connotati del tuo destino.

Una generazione infinita che comprende chi cerca lavoro e chi un’istruzione che li renda idonei a trovarlo e che non può più godere delle mille sfumature che questa terra esprime. Sfumature che contribuiscono a creare quel fascino disordinato che molti scambiano per vita ma che resta solo disordine per chi reclama un’esistenza meno precaria. Sarebbe oltraggioso pretendere che il loro sguardo sia meno severo. C’è un’immagine sublime nel distacco di Valentina, quella madre che non sa tenerti attaccata al seno è densa di struggente realismo. Chi ti ha dato la vita ti nega di vivere. E allora devi scappare, non per trovare un’altra madre ma qualcosa che possa nutrirti. Di Valentina ormai ce n’è quasi una per ogni famiglia, è un distacco che abbiamo già vissuto in tanti. Quando questo avverrà sotto l’impulso della scelta potremo accompagnarli con un sorriso verso il porto che verrà. Finché è la necessità a guidare il loro addio dovremo soltanto piangere le lacrime della vergogna.

E non guardarmi così Palermo, un po' risentita e tacitantamente offesa, come tutte le volte che qualcuno Ti dice che va…

Pubblicato da Valentina Bullara su Lunedì 24 luglio 2017

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto