Incendio a Messina, responsabili tre adolescenti

Sarebbero tre adolescenti – una ragazzina di 14 anni e due coetanei di 13 e 15 anni – i responsabili dell’incendio che, sabato scorso, ha bruciato le colline dell’area di Fondo Fucile, a Messina, con il rischio che le fiamme raggiungessero anche le abitazioni vicine. Si tratta di uno dei tanti roghi che in quest’ultimo periodo stanno mettendo in ginocchio non solo la zona del Messinese, ma un po’ tutta la Sicilia.

Sabato a dare l’allarme per l’incendio divampato a Fondo Fucile sarebbero stati numerosi cittadini, preoccupati che si potesse velocemente propagare in altre zone. Ed è così che i Vigili del Fuoco, avvisati dalla sala operativa della Questura, sono riusciti a bloccare per tempo le fiamme. Intanto, alcune persone avevano notato, in giro per la collina, i tre ragazzini adesso accusati di aver appiccato il fuoco distruggendo una vasta porzione di vegetazione. Nessuno ha saputo dare una spiegazione sui motivi del gesto, uno dei tre adolescenti – che quando sono stati fermati in tasca avevano ancora gli accendini – avrebbe solamente detto agli agenti: “Abbiamo fatto una stupidaggine”. Deferiti all’autorità giudiziaria per i minorenni per incendio boschivo, sono stati ora riaffidati alle famiglie.

Intanto, la Sicilia continua a bruciare. Tra sabato e domenica scorsi un altro incendio ha, per l’ennesima volta, gravemente danneggiato la Riserva dello Zingaro, distruggendo tutto il versante Sud: “Un disegno criminale. Un fronte di fuoco – accusa il sindaco di Castellammare del Golfo, Nicolò Coppola – vastissimo. Dobbiamo reagire per ridare sicurezza ai luoghi colpiti”.

Pin It on Pinterest