Il bagherese Nico Bonomolo vince al Giffoni film Festival

Nico Bonomolo vince il Giffoni Film Festival nella categoria Generator +18 con il suo corto “Confino“.
La storia racconta in una Sicilia del periodo fascista, di un artista di ombre cinesi che, dopo avere deriso Mussolini durante uno spettacolo, viene confinato in un’isola su cui sorge un faro. Un evento fortuito lo riscatterà dalla solitudine e dalla prigionia attraverso la sua arte. Il protagonista grazie alla luce potente del faro riesce ad uscire dall’ombra della sua prigionia e ad esprimere la sua arte con le persone che si trovano sulla terra ferma. Guarda il mondo da lontano ma nonostante questo la sua arte ne esce potenziata, perché paradossalmente la situazione particolare in cui si trova gli consente di passare dai teatrini di quart’ordine ad un pubblico molto più vasto.

Le congratulazioni al filmaker Nico Bonomolo del sindaco di Bagheria

“Nico Bonomolo ci sta abituando alle vittorie e ai riconoscimenti da parte di prestigiosi festival”. Così il sindaco Patrizio Cinque si congratula con il giovane artista che dopo la vittoria al Santa Barbara film festival, al premio Amnesty International, la selezione nella long list per la corsa agli Oscar 2018 e diversi altri riconoscimenti e partecipazioni a festival internazionali, oggi ha visto riconosciuto dalla giovane giuria della 47esima edizione del Giffoni Film Festival il primo posto nella sezione Generator +18 (animation), con il suo corto “Confino”.
“Siamo orgogliosi come bagheresi di questo riconoscimento – aggiunge il sindaco – aspettiamo di poter vedere l’opera vincitrice a Bagheria e ci congratuliamo con Bonomolo cui auguriamo tanti altri di questi successi”.

“Confino” verrà proiettato il prossimo 30 luglio a Villa Cattolica a Bagheria, nella serata conclusiva del Festival Internazionale Animaphix.

Nico Bonomolo è nato a Palermo nel 1974 e vive e lavora a Bagheria. Dopo la laurea in giurisprudenza, si dedica interamente e da autodidatta alla pittura (i suoi quadri sono presenti in diverse collezioni private e pubbliche, tra le quali quelle del Museo Guttuso di Bagheria e fa parte degli Archivi SACS del Museo RISO di Palermo), alla grafica e, più di recente, al cinema d’animazione d’autore. I suoi cortometraggi hanno ottenuto la selezione in numerosi festival internazionali, alcuni dei quali accreditati alla Academy per la preselezione agli Oscar e riconoscimenti come il NICE Award al 55° Taormina Film Festival come miglior cortometraggio e una Menzione speciale ai Nastri d’argento.

Dario Di Gesù

Direttore editoriale