Come può uno scoglio… I ricordi che la musica resuscita

Non esiste un acceleratore della nostalgia più struggente della musica. Basta un rif di chitarra per essere risucchiati nel vortice dei ricordi, una strofa, magari anche banale, per tornare sui banchi di scuola, una rullata di batteria per richiuderti di nuovo in quella stanzetta dove hai consumato gli attimi di più profonda malinconia e hai sognato di essere migliore di ciò che sei sempre stato, dove hai pianto, immaginato rivoluzioni e dormito sorvegliato dai poster di Jimi Hendrix e di Shiddarta. E il tuo lui o la tua lei accanto a te. E fuori dalle palle tutto il resto.

La musica non fa prigionieri, ti condanna a riavvolgere il nastro, dolcissimo supplizio di cui non vogliamo mai liberarci perché in fondo chiudere tutto in un baule significherebbe rinunciare ad una parte di noi. Statene sicuri, chi dice di non avere memoria è perché non vuole averla. Diffidate di costoro, dei loro segreti e della loro lucida follia.

La musica non fa prigionieri, è poco selettiva e molto trasversale. Ti piacciono i Led Zeppelin? Stai sicuro che assieme a Starway to heaven avrai Le Luci dell’est di Battisti a ricordarti quanto hai sofferto quando Roberto ti ha mollato o quanto sei stato stupido a lasciare Gloria. E come può uno scoglio arginare il mare te lo chiedi ancora oggi che sono passati più di quarant’anni e il giro armonico di Jim Page lo senti fare a tuo figlio con il basso.

Ciascuno credo abbia la sua playlist del dolore e quella del godimento, quella intimistica e quella del cazzeggio collettivo. E, ne sono convinta, non c’entra la cultura musicale, è spesso il caso che sceglie di accoppiare una canzone ad una persona o una situazione. Recentemente ho contattato un’amica di scuola di cui non avevo più notizie da almeno 4 decenni. Prodigi di facebook. All’istante è venuta fuori If you leave me now dei Chicago, ascoltata per un anno intero, nostro malgrado, dal jukebox del bar di fronte a scuola ad ogni santa ricreazione quotidiana. Un bel lentone di quei tempi, triste quanto basta ma per noi era gioia pura, cantato due ottave sopra, una gara a chi stonava di più. E Carlo Brugnone che s’incazzava perché le 100 lire del jukebox erano le sue.

La canzone del primo bacio? Rocket man di Elton John. Cosa girava sul piatto la prima volta che ho fatto l’amore? Mi piacerebbe rispondere il Bolero di Ravel e invece molto più semplicemente I robot di Alan Parson. E la laurea che si accoppia con Rock the Casbah, prototipo del punk e il più sofferto amore della mia vita che pesca nel passato: San Francisco di Scott McKenzie. Poi ho goduto anche con chi era impermeabile alla musica, un linguaggio emotivo troppo astruso per la sua mente analitica. O forse altro. E di fatto ci manca il legame sonoro come se, in assenza di condivisione, musica e pathos non aderissero, come cozze e vongole che nello stesso piatto non si amalgamano.

La mia playlist della memoria scarta la fase primordiale, comincia con l’adolescenza e termina con la nuova vita che mi sono data, la solitaria solitudine che mi calza a pennello. Provate a fare lo stesso esercizio e fermatevi a quota 10: vedrete che sarà un’impresa titanica mettere un punto. Perché le canzoni, come i figli, so’ piezz e core.

 

  • Comunque bella – Lucio Battisti
  • Dock of bay – Otis Redding
  • Dolce Acqua – I Delirium
  • Impressioni di settembre – Premiata Forneria Marconi
  • Easy – Commodores
  • I’m easy – Keith Carradine
  • San Francisco – Scott McKenzie
  • Sweet Home Alabama – Lynyrd Skynyrd
  • La realtà non esiste – Claudio Rocchi
  • Layla – Eric Clapton
cani

Su Rai-Radio3 una piccola e preziosa collezione di fiabe firmate da Gianni Rodari [AUDIO]

La Rai-Radio3, ha di recente prodotto una serie di fiabe sonore di Gianni Rodari [ASCOLTA], scrittore e giornalista comparso nel 1980 a sessant’anni, considerato il maggiore favolista del Novecento. Da giovane studiò in seminario, che lasciò per diplomarsi come maestro ...
Leggi Tutto
Giusy Lazzara è stata eletta nuovo presidente dell'Anolf Trapani. "Più servizi per assistere gli immigrati nel processo di integrazione"

Immigrazione, Giusy Lazzara nuovo presidente Anolf Trapani: “Più servizi per migliorare il processo di integrazione”

È Giusy Lazzara, trapanese di 43 anni, il nuovo presidente Anolf Trapani. È stata eletta al termine del comitato direttivo dell'Associazione Nazionale Oltre Le Frontiere della Cisl, che si occupa dell'assistenza agli immigrati di varie etnie a carattere volontario. Un'attività fondamentale ...
Leggi Tutto
Palermo, sequestrato un magazzino di abbigliamento. Sanzioni anche per un pub e una gastronomia

Palermo, sequestrato un magazzino di abbigliamento. Sanzioni anche per un pub e una gastronomia

Sequestrato dalla Polizia municipale, a Palermo, un grande magazzino di abbigliamento abusivo nella zona di Brancaccio, e sanzionati per occupazione abusiva di suolo pubblico un pub in via Mongerbino e una gastronomia in via Cala. L'importo totale delle sanzioni è ...
Leggi Tutto
A Palermo le selezioni per "Miss Bangladesh Italy 2018"

A Palermo le selezioni per “Miss Bangladesh Italy 2018”

Appuntamento oggi, 19 febbraio, dalle 15 alle 18, presso la sede di Cinematocasa in via Maqueda 124, con la tappa palermitana del primo concorso di bellezza bengalese organizzato in Italia, "Miss Bangladesh Italy 2018". Le giovani donne porteranno sul palco, ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest