Decalogo semiserio per aspiranti governatori

La sua specialità la Sicilia la esprime, ancor prima che nello Statuto, nell’affermazione dei riti di una politica che sembra faccia fatica a rinnovarsi. Persino il Movimento Cinquestelle, deluso a Palermo e strabattuto a Trapani, si arrocca nelle sue posizioni quando c’è da decidere il candidato presidente che potrebbe conquistare la prima Regione. E punta ancora su Cancelleri. Da un lato è vero che il suo “rendimento” parlamentare è stato soddisfacente (anche se fare opposizione è molto nelle corde dei grillini) ma è altrettanto evidente che non è ancora pronta una classe dirigente al di là di Cancelleri.

A destra lo schema è quello già visto. Chi smazza è sempre Miccichè, sia pure tra qualche mugugno tra i vicini di banco. E qual è il candidato sui cui sembra puntare l’asse che fa riferimento a Forza Italia? Nello Musumeci, il miglior perdente della volta scorsa.

Anche a sinistra il gioco è sempre lo stesso. Si punta a frantumare e in prima fila c’è Rosario Crocetta. Il suo “mi candido” di qualche giorno fa è un mal riuscito esempio di umorismo involontario. Ricalca la formula del ricatto morale nei confronti del suo schieramento: forse non posso vincere, ma posso fare perdere. Da ridere il tanto declamato 22% del quale si auto accredita per vincere le resistenze di un Pd che, a tutti i livelli gli ha fatto sapere di non gradire il suo secondo mandato. E intanto c’è da scegliere il successore, tra incertezze e rifiuti (leggasi Piero Grasso) si procede a fari spenti. Se non sarà “papa straniero” non restano che le primarie.

In attesa di sapere quali saranno i rivali di Cancelleri, interpretando i desideri di tanti siciliani, approntiamo un decalogo semiserio buono per qualsiasi presidente, una sorta di minimo garantito, una dotazione essenziale per i candidati a Palazzo D’Orleans.

  • Parlare in italiano: che la T sia T e non D. Anche la fonetica ha il suo perché. E che l’inflessione non porti alla consueta imitazione da macchietta che bene non fa alla credibilità di chi parla.
  • Musei aperti durante le festività. Se si riscontrano opposizioni, scattino i licenziamenti. Siano essi direttori, custodi o sovrintendenti.
  • Il circuito dei grandi eventi culturali segua il calendario dei rappresentanti di abbigliamento: il catalogo si presenta con una stagione d’anticipo. Altrimenti è inutile pensare che si tratti di un investimento di valore turistico.
  • Riduzione degli uffici di Gabinetto. E soprattutto divieto di accesso a parenti e fidanzate/i (anche se al maschile non viene segnalato alcun caso…).
  • Vietato farsi intervistare da Giletti, dovunque egli vada a ballare il suo can can.
  • Firmare un patto per l’onore: se non si realizza almeno un progetto al mese si va a casa. Oppure si perde l’onore.
  • Riportare in vita la tabella H, senza mascherarla in leggi e leggine. Ma dirci quale deputato sta dietro ad ogni singolo finanziamento. Così sapremo chi applaudire e chi spernacchiare.
  • Basta con gli assessori tecnici: il più delle volte non capiscono una mazza e diventano ostaggi della politica che concede il giro di valzer e della burocrazia più spregiudicata.
  • Ripristino dei portavoce per mettere un freno al mercato degli abusivi (dicasi funzionari che si spacciano per giornalisti e firmano comunicati stampa).
  • Parlare almeno l’inglese. È mortificante ricorrere nei contesti internazionali al traduttore. Non lo si conosce? Si studia, come per l’accesso ai test universitari, minimo il livello B1. Per essere Governatore e incassare 20mila e passa euro al mese, qualche sacrificio bisognerà pur farlo.
Giuseppe Lupo e Nadia La Malfa

Convolati a nozze nella chiesa di San Giuseppe dei Teatini a Palermo il politico Giuseppe Lupo e la giornalista Nadia La Malfa

Nozze principesche tra il il presidente del gruppo parlamentare del PD all'Ars Giuseppe Lupo e la giornalista Nadia La Malfa, che sono convolati a nozze, pronunciando il loro si nella suggestiva chiesa di San Giuseppe dei Teatini a Palermo davanti ...
Leggi Tutto
Family day "Cme semi leggeri", Arcigay

“Come semi leggeri”, all’Orto Botanico il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno

Si tiene all'Orto Botanico di Palermo domenica 26 agosto dalle 16 alle 19.30 il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno. Inserito nel calendario del Palermo Pride 2018 e nell'ambito di Manifesta12, l'appuntamento per bimbi e genitori ha ...
Leggi Tutto
massimo verdastro

Palermo Pride, Massimo Verdastro celebra quarant’anni di teatro tra immagini, parole e visioni

Massimo Verdastro, attore e regista, celebra i quarant'anni di carriera insieme al Palermo Pride con due eventi che legano l'immaginario teatrale della parola alle immagini di scena. Sabato primo settembre alle 18.30 al Centro internazionale di fotografia dei Cantieri culturali ...
Leggi Tutto
Manlio Noto e Marco Pomar

Marco Pomar e Manlio Noto nel musicospettacolo 80ANSIA, al Mille e una notte

Una serata dedicata ai meravigliosi anni 80 con un musicospettacolo intitolato 80ansia. Protagonista il duo artistico Marco Pomar e Manlio Noto. Ah, gli anni ottanta! I favolosi anni ottanta, si diceva. Chissà poi perché. Forse perché eravamo giovani, alcuni adolescenti, ...
Leggi Tutto