Il ricatto del signor Rosario che aspetta di essere esodato…

Un regalo inaspettato ma non troppo. La candidatura annunciata, sarebbe più giusto dire minacciata, di Rosario Crocetta ha raggiunto subito due obiettivi: ha fatto ulteriormente capire che nel Pd c’è tanta confusione e ha rilanciato la competitività del centrodestra che sembra si stia coagulando attorno a Nello Musumeci.

Crocetta sa che l’esperienza di governo ha fiaccato la sua credibilità ancor prima della sua popolarità. Non avrebbe alcuna possibilità di assicurarsi il bis a Palazzo D’Orleans, ma è certamente in grado di far perdere la sua coalizione sottraendo anche quella piccola percentuale che riuscirebbe a portare a casa. È chiaro a tutti che nella corsa a tre, con Il Movimento Cinquestelle alla pari se non davanti ai due storici schieramenti, le differenze saranno esigue.

Crocetta sa anche che nel suo partito di provenienza di sponde non ne potrà trovare, specie dopo che anche a Roma hanno detto a chiare lettere di considerare chiusa la partita della ricandidatura.

Ma intanto la soluzione del candidato è lungi dall’essere trovata. Piero Grasso tace e il suo silenzio è eloquente. I tentativi di convincerlo ad accettare la candidatura non si sono ancora esauriti, ma al momento non ci sono gli estremi per professare ottimismo. Tanto che sotto sotto si ricomincia a parlare di primarie.

Crocetta ha intercettato questo clima di indecisione che, a suo pensare, lo autorizza a rilanciare: “Io mi candido”. Una sfida giocata in maniera palese non tanto e non solo sul piano delle Regionali ma del suo personale futuro. Se il Pd vorrà evitare l’emorragia di questa ormai piccola percentuale di voti ristagnanti al seguito del Governatore, dovrà cercare una soluzione. Quello di Crocetta è un vero e proprio ricatto, quello che in gergo psicologico si chiama ricatto emotivo, la minaccia, cioè, di una futura punizione se il soggetto a cui è rivolta dovesse disattendere le sue aspettative. E quale sarebbe l’aspettativa di Crocetta? Quella di essere esodato: un accordo per lasciare il posto in cambio di una copertura elettorale. Anche se, vista l’età (66 anni) e il rendimento di questi ultimi 5 anni, il signor Rosario altroché se non meriterebbe direttamente la pensione…

Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto
Marianna Caronia ed Ernesto Basile

Museo Basile e Liberty. ARS approva primi fondi per progettazione

Acquista concretezza l'idea di realizzare a Palermo un museo del Liberty e dell'opera di Ernesto Basile. Con un emendamento approvato questa notte dalla commissione bilancio su proposta di Marianna Caronia è stato infatti stanziata la somma di 45000 euro per ...
Leggi Tutto
Gaetano Armao

Comuni in dissesto, Armao: “La Regione ha creato un Fondo di 20 milioni. Ora serve l’intervento dello Stato per evitare il default”

“La Regione Siciliana ha fatto e sta facendo la propria parte, con la creazione di un apposito Fondo che mobilita venti milioni di euro a favore dei Comuni in dissesto”. Lo ha detto il vicepresidente della Regione siciliana e assessore ...
Leggi Tutto