La candidatura di Musumeci e la partita a scacchi di Miccichè

Ieri nelle postazioni di Nello Musumeci avevano più ragioni per essere soddisfatti. È arrivata l’incoronazione di Gianfranco Miccichè (“è il migliore candidato possibile alla presidenza della Regione”) e con essa la notizia che Crocetta punterebbe a fregarsene del mancato nulla osta del suo partito e si preparerebbe per una nuova corsa verso Palazzo D’Orleans. E ciò inevitabilmente indebolirebbe il Pd (e chi lo affiancherà) considerato ancora oggi l’avversario più temibile perché più radicato nei territori rispetto al M5S.

In questa partita a scacchi che sta per diventare la selezione dei candidati alla presidenza della Regione resta da capire se l’affermazione di Miccichè rappresenta un vero e proprio mea culpa o se invece è un’altra mossa da interpretare. Cinque anni fa proprio con la creazione di Grande Sud e con la sua discesa in campo, Miccichè annullò le possibilità di vittoria dello storico leader della destra catanese. Cambiare idea è segno di intelligenza, ma quando questa è troppo confinante con la furbizia è obbligatoria una secondo lettura dei fatti. Miccichè propone il nome di Musumeci mentre tratta con Alfano per ricompattare il “campo destro”. Musumeci e Alfano si detestano cordialmente, politicamente parlando. Si può pensare ad un gioco delle parti per far bocciare il candidato presidente sull’altare di una più ampia coalizione? Certo che lo si può.

Intanto Nello Musumeci in campo c’è e da tempo. Il suo movimento “Diventerà Bellissima” ha già avviato a livello provinciale un primo sondaggio per verificare le disponibilità di candidature di personalità impegnate anche nel sociale. Se davvero sarà il “cavaliere” del centrodestra, avrà l’opportunità di un nuovo confronto con Giancarlo Cancelleri. Cinque anni fa lo distanziò di oltre 7 punti percentuali e 160.000 voti complessivi. Oggi il risultato sarebbe molto più incerto: è cresciuto il fronte dei grillini e il centrodestra potrebbe presentarsi più compatto. A meno che le parole di Miccichè non restino pie intenzioni.

L'intervento di Fabio Cocchiara durante il Congresso Regionale di Diventerà Bellissima, che si è svolto all'interno del Mondello Palace Hotel, a Palermo

Diventerà Bellissima, l’intervento di Fabio Cocchiara: “Ricreare le antiche sezioni sul territorio”

"Per favore promuovete la creazione delle antiche sezioni sul territorio, perché è molto importante, la gente vuole parlare ed essere ascoltata, e noi abbiamo tutti i requisiti per parlare alla gente". Così Fabio Cocchiara, uno dei militanti che ha preso ...
Leggi Tutto
Maria Giovanna Elmi sarà la madrina della sfilata di Siria Eco Design e Joseph Cuomo che si terrà a Palazzo Bonocore a Palermo

Palazzo Bonocore, Maria Giovanna Elmi madrina della sfilata di Siria Eco Design e Joseph Cuomo

L'eco design incontra il pret-a-couture, sabato 16 dicembre, dalle ore 17,00, a Palazzo Bonocore, in piazza Pretoria, a Palermo. Nunzia Ogliormino, artigiana specializzata nella creazione di accessori, nati da materiali alternativi e di riciclo, e anima del marchio Siria Eco Design, presenterà la propria collezione ...
Leggi Tutto

The Buns, il duo francese si esibisce alla Fabbrica 102

Ancora un appuntamento con la musica internazionale alla Fabbrica 102 di Palermo. Domani, sabato 16 dicembre, nel locale di via Montelone 32, a partire dalle 22.30, si esibirà il duo femminile francese The Buns. La band 'non suona, fa rock'n'roll', ...
Leggi Tutto
Ryanair

Aerei: rientra sciopero Ryanair, possibili altri disagi

L'Anpac sospende lo sciopero dei piloti di Ryanair previsto per oggi a fronte dell'apertura al dialogo da parte della compagnia irlandese nei rapporti con i suoi dipendenti. La compagnia irlandese annuncia di aver scritto ai sindacati dei piloti in Irlanda, Regno ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest