Festino, folla di fedeli e turisti per festeggiare la Santuzza

Centinaia di migliaia di fedeli, e non solo, hanno affollato ieri sera il Cassaro di Palermo per rendere omaggio alla Santuzza che liberò la città dalla peste. Un Festino iniziato con lo svelamento della statua di Santa Rosalia, circondata da duemila rose, sull’arca bianca costruita dai ragazzi del liceo artistico Catalano e terminata con i tradizionali giochi d’artificio.

Quest’anno la patrona di Palermo ha le fattezze della giovane attrice palermitana, bionda con gli occhi azzurri, Roberta Azzarone, protagonista anche dell’opera teatrale inscenata al Palazzo dei Normanni. Una favola in musica che ha voluto raffigurare, con uno straordinario gioco di luci accese sugli stucchi serpottiani ricreati per impreziosire il palco, la vita di Santa Rosalia.

Dopodiché, il carro si è messo in cammino verso la Cattedrale, prima tappa del corteo, seguito dalle autorità civili e religiose. Da lì è proseguito fino al mare, passando per i Quattro Canti, dove si è tenuta “in aria” l’esibizione di alcuni acrobati della compagnia Sonic’s e dove il sindaco Orlando ha urlato “Viva Palermo e Santa Rosalia”, e per Piazza Marina, teatro di uno spettacolo con il fuoco. Arrivati a Porta Felice, invece, i fedeli hanno potuto assistere a “Rosa Lilium, la principessa delle rose”, cartone animato sulla storia della Santuzza, proiettato sulle mura della porta. Infine, intorno alle 2 notte, tutti con il naso all’insù per vedere la tanto attesa “masculiata”.

 

(ph. ©Studio Camera / Franco Lannino)

Pin It on Pinterest