“Trattare i piromani come mafiosi”

La Sicilia che brucia è uno schiaffo a tutti gli sforzi che da anni si fanno in questa terra per affrancarla dalla mafia e dai suoi retaggi. Ci sono luoghi come San Vito Lo Capo, nello specifico la zona compresa tra la Riserva dello Zingaro e Calampiso, in cui il fuoco devasta da decenni con una puntualità sconcertante. Alle prime giornate di caldo, al primo soffio di scirocco che rende incontrollabile le fiamme e celere la sua propagazione, brucia la montagna, il fuoco lambisce le case, si è costretti all’evacuazione. Nessuno denuncia, nessuno parla, molti sanno.

La Sicilia che brucia è un oltraggio alle risorse finanziarie e umane che la Regione mette in campo nel settore forestale. Se neanche spendendo milioni (che sino al’altro ieri si chiamavano miliardi) e impiegando migliaia di uomini si riesce ad arginare il problema solo due possono essere le considerazioni: o si è davvero scarsi oppure c’è un sistema di complicità che parte proprio dalla sponda che dovrebbe assicurare prevenzione e repressione.

In ogni caso un disastro che non lascia alibi. Sui tanti ragionamenti di questi giorni ce n’è uno che colpisce per la sua semplicità e per la sua possibile efficacia. Siamo in emergenza? E allora che si facciano scattare misure d’emergenza. La proposta è provocatoria (ma mica tanto…) e arriva da Pasquale Hamel, per anni ai vertici dell’Assemblea Regionale Siciliana, saggista siciliano e direttore del Museo del Risorgimento di Palermo: “E se si estendesse la normativa vigente per la repressione dei reati di mafia anche ai piromani?”. Roba che fa riflettere,  la fase repressiva sinora si è rivelata inefficace tanto quanto quella investigativa. Da anni abbiamo mafiosi pentiti, patrimoni sequestrati, delinquenti della peggiore risma in galera. Se si parla del fuoco doloso che sfregia la Sicilia, poco o nulla in termini di risultati. La storia ci insegna che ciò spesso accade quando si è di fronte all’inefficacia della pena. Considerare l’incendio doloso come un reato di mafia diventa oggi quasi necessario. E quindi Hamel, in fondo, torto non ne ha.

La Traccia, una spy story con venature esistenziali firmata Luciano Zaami

Perché un antiquario italiano vuole contattare il capo carismatico della resistenza al regime dittatoriale di una capitale europea? Per scoprirlo bisognerà seguire... La Traccia (o quanto meno bisognerà leggerla), il terzo romanzo di Luciano Zaami, scrittore nisseno oggi trapiantato a ...
Leggi Tutto
Enterogermina, ritirati cinque lotti di confezioni in via precauzionale

Enterogermina, ritirati cinque lotti di confezioni in via precauzionale

Sono stati ritirati dagli scaffali delle farmacie italiane cinque lotti di Enterogermina in capsule, medicinale da banco che viene utilizzato per ricostituire la flora intestinale. È stata la stessa casa farmaceutica produttrice del medicinale, la Sanofi, a ritirate in modo volontario ...
Leggi Tutto
graduatorie asili nido Palermo Un contributo pari a 500 mila euro che permetterà alle scuole paritarie, ai nidi d’infanzia pubblici o privati e alle scuole statali di avviare le sezioni primavera.

Asili Nido, approvate le graduatorie definitive per le iscrizioni dell’anno scolastico 2018/19

Il Dirigente del Servizio Attività comunali rivolte all'infanzia comunica che con Determinazione Dirigenziale n. 179 del 21.05.2018. pubblicata all'Albo Pretorio, sono state approvate le graduatorie definitive relative alle iscrizioni presso gli Asili Nido comunali per l’anno scolastico 2018/2019. Le suddette ...
Leggi Tutto
Dario Miceli

Al “Pala Don Bosco” il Memorial Dario Miceli, un torneo di pallavolo per ricordare il giornalista palermitano

Dario Miceli, giornalista palermitano e volto noto della Rai, era anche un apprezzato pallavolista. A un anno dalla sua prematura scomparsa, la famiglia e gli amici, insieme al mondo della pallavolo che Dario ha sempre frequentato, giocando nella serie A ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest