“Trattare i piromani come mafiosi”

La Sicilia che brucia è uno schiaffo a tutti gli sforzi che da anni si fanno in questa terra per affrancarla dalla mafia e dai suoi retaggi. Ci sono luoghi come San Vito Lo Capo, nello specifico la zona compresa tra la Riserva dello Zingaro e Calampiso, in cui il fuoco devasta da decenni con una puntualità sconcertante. Alle prime giornate di caldo, al primo soffio di scirocco che rende incontrollabile le fiamme e celere la sua propagazione, brucia la montagna, il fuoco lambisce le case, si è costretti all’evacuazione. Nessuno denuncia, nessuno parla, molti sanno.

La Sicilia che brucia è un oltraggio alle risorse finanziarie e umane che la Regione mette in campo nel settore forestale. Se neanche spendendo milioni (che sino al’altro ieri si chiamavano miliardi) e impiegando migliaia di uomini si riesce ad arginare il problema solo due possono essere le considerazioni: o si è davvero scarsi oppure c’è un sistema di complicità che parte proprio dalla sponda che dovrebbe assicurare prevenzione e repressione.

In ogni caso un disastro che non lascia alibi. Sui tanti ragionamenti di questi giorni ce n’è uno che colpisce per la sua semplicità e per la sua possibile efficacia. Siamo in emergenza? E allora che si facciano scattare misure d’emergenza. La proposta è provocatoria (ma mica tanto…) e arriva da Pasquale Hamel, per anni ai vertici dell’Assemblea Regionale Siciliana, saggista siciliano e direttore del Museo del Risorgimento di Palermo: “E se si estendesse la normativa vigente per la repressione dei reati di mafia anche ai piromani?”. Roba che fa riflettere,  la fase repressiva sinora si è rivelata inefficace tanto quanto quella investigativa. Da anni abbiamo mafiosi pentiti, patrimoni sequestrati, delinquenti della peggiore risma in galera. Se si parla del fuoco doloso che sfregia la Sicilia, poco o nulla in termini di risultati. La storia ci insegna che ciò spesso accade quando si è di fronte all’inefficacia della pena. Considerare l’incendio doloso come un reato di mafia diventa oggi quasi necessario. E quindi Hamel, in fondo, torto non ne ha.

A tinte forti, Parco delle Madonie

“Quattro donne”. A Villa Sgadari, Petralia Soprana, presentazione del libro di Carla Garofalo

Petralia Soprana - Nella favolosa settecentesca Villa Sgadari, sabato 20 ottobre 2018, alle 17.30, si presenterà il libro "Quattro donne” di Carla Garofalo, Qanat Edizioni ed arti visive. Converseranno con l'autrice, la giornalista Maria Giambruno e la scrittrice Mari Albanese ...
Leggi Tutto
Teatro del Fuoco Kids

Inizia Teatro del Fuoco Kids, lo spettacolo con il fuoco ed il corso di teatro per i bambini

Il Teatro del Fuoco Kids, nato come sezione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival, ha lo scopo di stimolare le emozioni del bambino, si realizza per il periodo di autunno ed inverno 2018/19 da Elementi Creativi di via Tommaso ...
Leggi Tutto
Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto
Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto