Alla scoperta di Zullo, il governatore ideale della sinistra

Settimana intensa come ne vedevo dalla finale di Vienna, Minniti spezza le reni a chi salva i migranti in mare, Pisapia dice che per battere il PD occorre allearsi col PD,  scazzi e controscazzi sui social, ma l’argomento croccante è chi sarà il candidato presidente della regione Sicilia alle prossime elezioni di novembre. Si è autocandidato l’ottimo Ottavio Navarra che a sua insaputa si è andato però ad infilare in una polemica tra Sinistra Comune, cartello della sinistra alle ultime elezioni comunali di Palermo, e chi con questo cartello non ha voluto averci a che fare, come lui stesso del resto… nulla da dire sulla persona, averne.., qualcosina sul metodo ma va bene uguale..

Il problema vero è che candidarsi come Presidente in opposizione ai tre grandi blocchi (PD,  5 stelle, centro destra) non è cosa né facile né indolore al punto che, modestamente io un candidato da presentare ce l’ho: Gianni Zullo. Se promettete di non cercare su Google giuro che alla fine vi dico chi è.
Il candidato in questione deve sapere che intanto, come spiegato sopra, avrà a che fare con una coalizione leggermente rissosa… Rifondazione ha una linea a Palermo ed un’altra a Messina, Sinistra Italiana ha due tendenze opposte, governista e antipiddina,  il variegato universo delle realtà sociali ha tante posizioni quante sono le teste… cioè assai… e qua arrivano i primi schiaffoni.
Proseguiamo… l’ ipotetica alleanza sfonda il fatidico 5% di sbarramento elettorale ma il centro sinistra non vince… voto inutile… avete regalato la Regione ai populisti… pussate via… e gli schiaffoni aumentano… e peggio mi sento se ad una vittoria pentastellata o destrorsa non corrisponde il superamento del fatidico quorum… schiaffi e pure aggratis…
Ma il PD potrebbe pure vincere costringendo la Sinistra a scegliere tra una opposizione ragionata, carogne… venduti… direbbero i Sinistri puri…, ed una rigida e senza sconti… con i piddini pronti ad accusarlo di ulteriore irresponsabilità… orrore puro invece all’ idea di un PD vincente ed una Sinistra fuori dal Palazzo. In ogni caso… schiaffi, sonori e violenti schiaffi.
Caro amico Ottavio… hai voglia di parlare di programmi, sai meglio di un povero ex calciatore come me, che fare un programma decente è esercizio facile… poi i gol li fanno i giocatori… hai voglia di lanciarti con generosità… ma chi te lo fa fare?
Meglio, molto meglio Gianni Zullo che per i pochi che hanno resistito a Wikipedia fino ad ora è il cantante dei Brutos,  gruppo demenzialmente straordinario degli anni miei , che abbuscava sonori schiaffoni durante le esibizioni. Mentre gli altri cantavano. E il pubblico rideva assai.
Susinno mondello rifiuti Deiezioni canine, Susinno (SC): "Apprezzamento per gli interventi straordinari, aumentare le sanzioni"

Mondello, incubo discarica. Susinno: “Residenti pronti alle barricate”

Il consigliere comunale di Sinistra Comune Marcello Susinno, con la stagione estiva alle porte, esorta l'amministrazione a una nuova strategia per quanto concerne i rifiuti nella borgata marinara di Mondello. "Contenitori spostati da un luogo ad un altro, non so ...
Leggi Tutto
La sanità come fattore di sviluppo economico e sociale nell'intervento del vice presidente dell'Aiop Barbara Cittadini durante le Assise generali di Confindustria

Aiop, la siciliana Barbara Cittadini è stata eletta presidente nazionale

Barbara Citadini è stata eletta nuova presidente dell'Aiop, l'Associazione italiana ospedalità privata, al termine dell'assemblea nazionale di Roma. Si tratta della prima donna alla guida dell'associazione. In un breve discorso al termine dell'elezione ha promesso agli addetti ai lavori Cittadini ...
Leggi Tutto

“Orto in Arte”, eterno dialogo tra uomo e Natura

Al via “Orto In Arte”, il festival internazionale che ha come focus il rapporto tra Natura e Arte con ospiti da tutto il mondo, che si terrà dal 26 maggio al 2 giugno presso l'Orto Botanico di Palermo. Sette giorni ...
Leggi Tutto

Ancra Confcommercio: Subito micro aree ecologiche in Sicilia”

Dalle carte di credito con microchip ai bambolotti parlanti con cui giocano le bambine, dalle macchinine elettriche alle semplici prolunghe che tutti abbiamo in casa o ancora il piccolo telecomando per automazione, per fare alcuni esempi: da agosto prossimo saranno considerati RAEE ...
Leggi Tutto

Mariolino Corso

Direttore editoriale

Pin It on Pinterest