I Siciliani Liberi, i migranti e i bamboccioni

Massimo Costa di Siciliani LiberiMigranti, ragazzi non disposti a fare quei lavori che poi vengono svolti proprio da chi proveniente da altri Paesi arriva nel nostro, altri che invece farebbero di tutto pur di lavorare, spesso finendo per accontentarsi di misere paghe al costo di sacrifici sovrumani. In ogni caso, il problema principale rimane il lavoro. È quanto tirato in ballo da Massimo Costa di Siciliani Liberi in un post, in cui fa riferimento a “una chicca da ‘Agorà RAI’ di stamattina”.

“Gli immigrati fanno lavori che i nostri ragazzi ‘non vogliono fare’. ‘Noi giornalisti’ ci alziamo all’alba per fare questa trasmissione. I ragazzi non sono disposti a farlo perché la sera devono fare tardi con gli amici. Forse parlano dei loro viziatissimi figli.
Io conosco tanti ragazzi siciliani che andrebbero a lavorare per 600 o 800 euro al mese, di corsa, anche se dovessero alzarsi alle 5 di mattina. E non trovano niente lo stesso.
Il danno che sta subendo una generazione intera lo conosciamo. Ma l’insulto gratuito, l’accusa di essere eterni ‘bamboccioni’ grida soltanto vendetta. Ma anche i non giovani. Dire che ‘tra gli italiani non si trovano più badanti’, offende le tante, tantissime signore che conosco, che avrebbero altri titoli, e che lo fanno per bisogno, senza farsi pregare, e certe volte neanche trovando lavoro. È un insulto alla povertà, da parte di giornalisti che non si sa quanto sono pagati. Lu saziu nun cridi a lu diunu.
Forse non si sta parlando di lavoro, ma di vera e propria schiavitù. È vero, ci sono cittadini che ancora, con tutto il bisogno che hanno, non sono disposti a lavorare 12 ore al giorno nei campi a 5 euro l’ora. Ma è per questo che ci servono i ’migranti’? No, grazie. L’immigrato deve avere lo stesso contratto del residente e gli stessi diritti. Ma così finisce la pacchia”.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto