Il Bosone di Higgs, la particella elementare con cui Dio creò l’universo

La scoperta del “Bosone di Higgs”, chiamata dai mass-media la “particella di Dio, è stata premiata nel 2013 con il Nobel per la fisica agli scienziati Peter Higgs e François Englert.
Per chi non lo sapesse, i bosoni e i fermioni sono le due classi fondamentali in cui si dividono le particelle elementari cioè indivisibili. I bosoni sono le particelle “responsabili” delle forze, i fermioni costituiscono la materia.
Ai fermioni, particelle-materia, tutte dotate di massa, appartengono l’elettrone e i quark (che costituiscono protoni e neutroni). I bosoni particelle-forza, possono avere massa, come il bosone di Higgs, o non averne, come avviene per il fotone e il gravitone.
Così come il fotone è la particella responsabile della trasmissione della forza elettromagnetica, in particolare il bosone di Higgs è la particella responsabile del manifestarsi della massa. Sarebbe quindi la “particella di Dio” attraverso cui è possibile che l’energia si trasformi in massa, creando la materia dell’universo fisico che conosciamo.

Come funziona il bosone di Higgs
Una rappresentazione di come il bosone di Higgs, “crea la massa”, come un Vip che interviene ad un party

Una rappresentazione di come ciò avviene risale al momento del big-bang, quando la massa non esisteva. Così come l’acqua, raffreddandosi diventa improvvisamente ghiaccio, cento miliardesimi di secondo dopo il big-bang si manifestò quello che è stato definito “Campo di Higgs”, formato da piccolissime particelle che trasmettono l’effetto del campo e che si chiamano, appunto, “bosoni di Higgs”.
Attraversando il campo formato dai bosoni di Higgs, una parte delle particelle che all’atto della creazione dell’Universo si muovevano alla velocità della luce, rallentarono. L’energia persa nel rallentamento di queste particelle venne trasformata in massa. Un processo “analogo” alla condensazione. Si creò la materia, costituita da particelle dotate di massa, una forma super-concentrata di energia.

Così nacque l’Universo.

Ma i fisici, teorici e sperimentali, sono sempre al lavoro, per tentare di capire se il bosone di Higgs è a sua volta formato da “altro” e per svelare misteri come la scomparsa dell’antimateria oppure quello della materia oscura, la “massa mancante” pari all’86% della massa dell’universo e circa il 27% della sua energia, invisibile ma la cui esistenza è provata dai suoi effetti gravitazionali.


Timeline del 4 luglio – Accadde oggi, a cura di Filippo Barbaro

1776 – Rivoluzione americana: il Congresso Continentale approva la Dichiarazione d’indipendenza dalla Gran Bretagna. Nascono così gli Stati Uniti d’America
1802 – A West Point (New York) apre l’Accademia Militare degli Stati Uniti
1840 – Il battello a vapore della Cunard Line RMS Britannia parte da Liverpool diretto ad Halifax, per la prima traversata atlantica di una nave passeggeri
1865 – Viene pubblicato Alice nel Paese delle Meraviglie
1950 – Prima trasmissione di Radio Free Europe
1960 – Con l’ammissione delle Hawaii come 50º stato, avvenuta all’inizio dell’anno, la bandiera statunitense a 50 stelle debutta a Filadelfia
1971 – Michael Hart ricopia in digitale la Dichiarazione d’Indipendenza degli Stati Uniti, che diventa il primo eBook del Progetto Gutenberg
2012 – Viene annunciata la scoperta del Bosone di Higgs da parte del Large Hadron Collider ai laboratori del CERN

I NATI OGGI

1807 – Giuseppe Garibaldi, generale, patriota e condottiero
1914 – Nuccio Bertone, imprenditore
1927 – Gina Lollobrigida, attrice
1928 – Giampiero Boniperti, dirigente sportivo, politico e ex calciatore
1938 – Bill Withers, cantante e musicista statunitense
1940 – Antonio Matarrese, imprenditore, dirigente sportivo e politico
1943 – Alan Wilson, cantante e musicista statunitense
1948 – René Arnoux, ex pilota automobilistico francese
1963 – Ute Lemper, cantante e attrice tedesca

 

 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest