Palermo, arrestata la madre della bimba di 17 mesi con lesioni cerebrali

Dopo aver ascoltato la testimonianza di chi ha assistito a diversi episodi di violenza sia fisica sia psicologica, i Carabinieri su richiesta del Gip del Tribunale di Palermo hanno arrestato la madre della bimba di 17 mesi ricoverata d’urgenza la scorsa settimana al “Di Cristina” per lesioni in tutto il corpo, soprattutto cerebrali. La donna è accusata di reiterati maltrattamenti e lesioni gravi nei confronti non solo della più piccola delle figlie, ma anche verso quella più grande di due anni e mezzo, anche lei finita in ospedale qualche giorno prima della sorella.

Le indagini avrebbero avuto inizio proprio lo scorso 15 giugno, in concomitanza con il ricovero della figlia maggiore presso il pronto soccorso dell’ospedale di Partinico, dove risiede con la madre e i familiari del compagno, sottoposto ora alla misura cautelare degli arresti domiciliari. Per lei, un trauma facciale e frattura scomposta di entrambi i polsi. Lesioni giustificate dalla nonna che l’ha portata al nosocomio con il racconto – sulla base di quanto riportato dalla madre – di una caduta accidentale mentre la bambina giocava nel cortile dell’abitazione.

Poi, domenica 26 giugno, l’altro episodio della sorellina minore, che è arrivata all’Ospedale dei Bambini di Palermo con plurime lesioni al capo – tra le quali fratture all’arcata dentale, tumefazioni, escoriazioni multiple – e morsi in svariate parti del corpo. Sarebbero state riscontrate anche condizioni igienico-sanitarie scadenti, proprio come già accaduto con l’altra bimba E, come già fatto con la sorella, anche in questo caso sarebbe stata la nonna ad accompagnare la piccola prima all’ospedale di Partinico, per poi essere traferita d’urgenza nel capoluogo siciliano.

La bambina di 17 mesi si trova ancora ricoverata, è stato registrato negli ultimi giorni un progressivo miglioramento delle sue condizioni di salute. La più grande è stata affidata temporaneamente alla nonna, in attesa delle valutazioni dell’Autorità Giudiziaria.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto