Caltagirone, si è dimesso l’assessore denunciato per abbandono di cuccioli

Vito Di Cara ha firmato le dimissioni da assessore alla Cultura di Caltagirone, dopo essere stato denunciato dai Carabinieri per abbandono e maltrattamenti di animali.

La vicenda ha dell’inverosimile e fa inorridire se solo si pensa alla delega che l’assessore gestiva. Di Cara è stato immortalato dalle telecamere di vigilanza mentre abbandonava alcuni cuccioli di cane davanti all’abitazione di una donna molto conosciuta quale convinta animalista. La donna ha denunciato il ritrovamento e consegnato alle forze dell’ordine i filmati dai quali è stato possibile notare la targa dell’auto e risalire quindi al suo proprietario.

Di Cara, in una lettera al sindaco Gino Ioppolo, ha chiesto scusa, ribadendo che non era sua intenzione recare danni agli animali e che le indagini chiariranno che nel suo comportamento non c’era dolo o malafede.

Viene francamente difficile comprendere la natura del gesto. Le dimissioni chiudono sul nascere un caso politico perché, opportunamente, il sindaco Ioppolo ha subito preso le distanze “dall’atto sconsiderato compiuto”. Ora che siamo in piena estate, periodo cruciale per la pratica degli abbandoni, se riuscirà a passare il messaggio che al maltrattamento degli animali corrisponde un reato, Di Cara oltre alle dimissioni avrà firmato anche il migliore spot a favore della associazioni animaliste. Caltagirone avrà un assessore in meno, ma Ioppolo ha fatto intendere che vi può rinunciare senza problemi: la delega alla cultura la terrà per sé.