Torna in mare Cassiopea, curata a Favignana dal Centro di soccorso per tartarughe marine

Nel contesto del progetto Life Plus Tartalife finanziato dalla UE e del World Sea Turtle Day, la giornata mondiale della tartaruga marina, il 16 giugno è tornato libero a Favignana un esemplare della specie Caretta Caretta, salvato dopo aver ingoiato della plastica in mare.
Il suo nome è Cassiopea: curata dal Centro di Primo Soccorso per Tartarughe Marine dell’AMP-Area Marina Protetta “Isole Egadi”, ha ritrovato il mare in occasione del Turtle-day.
Il Centro di Primo Soccorso per Tartarughe Marine, supportato dai fondi dello sponsor Riomare e in procinto di diventare, nell’ambito del progetto Tartalife, un vero e proprio Centro Recupero, è attivo dal settembre 2015.
Cassiopea è stata curata contemporaneamente all’avvio di Plastic, il progetto di arte contemporanea ed educazione ambientale, promosso dall’AMP e dal Comune di Favignana e firmato da Pablo Dilet, pseudonimo di Dario La Rosa. L’artista, il personale dell’AMP e oltre cento studenti erano infatti impegnati nella raccolta della plastica proveniente dal mare, che ingabbieranno, poi, in una struttura artistica in metallo, che sarà inaugurata a metà luglio.
“Cassiopea –commenta il direttore dell’AMP, Stefano Donati – ha ritrovato il mare, e la plastica killer che la stava uccidendo è stata imprigionata nell’opera di Pablo Dilet. Un gesto simbolico per richiamare tutti noi alla tutela del mare, alla corretta gestione dei rifiuti, al riuso e alla riduzione dell’utilizzo della plastica”.

Pin It on Pinterest