Belotti, polemiche dopo il sì. Lannino: “Incappucciato ho fotografato solo Riina”

Certe cose sarebbe meglio non saperle. E non si parla di corna, come la premessa farebbe intendere, bensì di matrimoni e dei riti che lo accompagnano. Due giovani ieri si sono giurati amore eterno e hanno pensato bene di pagare le spese del rinfresco cedendo l’esclusiva del servizio fotografico. Uno di questi due giovani è milionario già adesso, alla fine della sua carriera le banconote da 100 euro riempiranno, metaforicamente, un magazzino della Standa, di quelli anni ’60, a due piani. Stiamo parlando di Andrea Belotti. La sua gentile signora è palermitana e si chiama Giorgia Duro. Non sappiamo di chi è stata l’idea di blindare le nozze, in ogni caso è sicuro che nessuno ha saputo ben consigliarli. Sarebbe bastato un piccolo gesto, magari un saluto ai fotografi di Palermo che, per 10 euro a scatto venduto, hanno atteso per ore l’arrivo della coppia sotto i 38 gradi del sole siciliano. Niente di tutto questo, anzi la sposa si è presentata incappucciata, per nascondere ciò che in un giorno come questo è lecito mostrare: il sorriso.
Come è lecito supporre che i palermitani non dimenticheranno lo sgarbo e la maleducazione di proteggere i due giovani con furgoni e un esercito di body guard che sarebbero esagerati anche in presenza di autentici vip. Ieri i cori di scherno (da vergognatevi a buffoni) sono stati la prima avvisaglia.
“È una bella cosa avere come ricordo del proprio matrimonio fischi e pernacchie? – chiosa il fotoreporter Franco Lannino, una vita passata a puntare l’obiettivo sul viso dei mafiosi ma con trascorsi anche nella cronaca rosa (dalle nozze della figlia di Orlando a quella di Riina, per citare due matrimoni complicati).
“Hai venduto l’esclusiva? In questi casi – continua Lannino – si tratta di foto in posa, a casa o al ricevimento. Magari anche in chiesa. Ma impedire il lavoro esterno è davvero inconcepibile. Bastava che la sposa facesse un saluto, lo sapete come sono dalle nostre parti. La sposa ha una sua sacralità, la gente si ferma ad applaudire, a fare gli auguri. Invece un cordone di protezione e la sposa con il cappuccio. Io incappucciato ho fotografato Totò Riina… È vero che lo sposo in queste dinamiche conta poco, ma è per la sua fama che sono riusciti a vendere l’esclusiva fotografica. E Belotti in questo caso è come se avesse sbagliato un gol a porta vuota”.
Prima (e banale) riflessione: non c’era modo di evitare tutto questo? Seconda (e banalissima) riflessione: è sicuro Urbano Cairo, presidente del Torino ed editore del settimanale che dicono abbia comprato l’esclusiva, che sia stata una mossa di marketing favorevole al bomber della nazionale? Ieri Belotti, timido di suo, sembrava particolarmente imbarazzato. E forse non solo per la tensione del giorno più importante della sua vita.

Nozze Belotti-Duro. Una sola parola.VERGOGNA!

Pubblicato da Franco Lannino su Giovedì 15 giugno 2017