Catania, la Dia confisca beni per 1,3 milioni di euro a imprenditore di Augusta

Confiscati dagli uomini della Dia di Catania, su provvedimento della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Siracusa, beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie per 1,3 milioni di euro a un imprenditore di Augusta (SR), Francesco Pasqua di 58 anni, operante nel settore del movimento terra e del trasporto merci conto terzi.

L’uomo è stato arrestato nel febbraio 2014 nell’ambito dell’operazione “Prato Verde” per associazione mafiosa, con l’accusa di fare parte del gruppo dei “Carateddi”, guidato da Orazio Privitera e Sebastiano Lo Giudice, della cosca Cappello di Catania. È stato poi scarcerato. Il procedimento risulta ancora pendente.

Tra l’altro, secondo l’accusa Pasqua avrebbe favorito la latitanza di Privitera che, dall’ottobre 2009 al 2010, si è sottratto all’esecuzione del decreto di fermo emesso a suo carico nell’ambito dell’operazione di polizia denominata “Revenge”. L’appartenenza dell’imprenditore al clan mafioso avrebbe avuto inizio tra il 2006 e il 2007.

Pin It on Pinterest