Wind Tre, Almaviva, Tim e Alitalia: parte da Palermo una “chiamata” per la politica sull’emergenza lavoro

Gli operatori dei call center di Palermo chiamano a raccolta tutti i lavoratori, ma anche gli studenti e le rappresentanze sindacali della città di Palermo.
Un’assemblea cittadina convocata per il giorno 14 giugno (alle ore 17 presso l’oratorio di Santa Chiara) per discutere di occupazione e per richiamare l’attenzione della politica regionale sul grave momento di crisi.
Sarà un momento di sintesi e di discussione della giornata di lotta promossa dai lavoratori Wind e che prevederà un corteo di protesta che dai Quattro Canti arriverà sino a Palazzo D’Orleans, sede del governo della Regione Siciliana. I temi della protesta chiamano in causa le vertenze in atto, da Almaviva a Wind Tre, da Tim ad Alitalia e sono anticipati da un documento che di seguito riportiamo.

Locandina protesta operatori call-center“Questa la realtà allarmante di oggi: 107.000 disoccupati a Palermo. 6.000 posti di lavoro persi solo in un anno. Un tasso di disoccupazione che supera il 25%.
Primo caso: Il 22 maggio Wind Tre ha annunciato di voler esternalizzare il proprio call center. L’operazione prevede la “vendita” in blocco di 900 lavoratori – di cui circa 300 a Palermo.
Wind Tre, nata 6 mesi fa dalla fusione fra Wind e H3G, non è certo un’azienda in crisi: è il primo operatore mobile in Italia per numero di clienti e vanta ricavi per più di 6 miliardi di euro. Nonostante ciò, ha bisogno di ristrutturare e ridurre i costi, perché nell’arena del profitto mondiale in cui si scontrano i giganti delle telecomunicazioni resta a galla solo chi riesce a “tagliare” senza sosta.
Il che significa “spremere” sempre più i veri artefici dei ricavi miliardari: i lavoratori, a cominciare da quelli dei settori più strategici, come i call center. Quali pericoli comporti l’esternalizzazione per i diritti, i salari e l’occupazione lo stanno a dimostrare centinaia si altre vicende simili.

Secondo caso: altra gravissima situazione quella di Almaviva (azienda leader nel settore dei call-center) che alla fine del 2016 chiudeva i suoi uffici a Roma e licenziava in tronco 1.666 lavoratori. I lavoratori della Capitale costavano troppo. Anche stipendi che spesso non raggiungevano i mille euro al mese erano considerati eccessivi. Da qui la chiusura e lo spostamento delle attività in altre zone d’Europa dove i salari e i diritti sono rasoterra.
Oggi i 2864 dipendenti di Almaviva Contact di Palermo, visto quanto accaduto ai colleghi di Roma, sono costretti ad accettare una Cassa Integrazione con una sospensione media del 35% delle ore lavorabili, il blocco del T.F.R. per un anno e pesanti riduzioni normative.

Terzo caso: I lavoratori Tim da quasi 8 mesi stanno lottando contro la disdetta unilaterale del contratto integrativo. Anche in questo caso si assiste a pesanti tagli salariali e ad arretramenti normativi. A farne le spese sempre e soltanto i lavoratori.
Quarto caso: vertenza Alitalia. Situazione aziendale diversa ma lo stesso ricatto: o si accettano pesanti tagli salariali (fino al 30% !) oppure scatteranno migliaia di licenziamenti. E anche le motivazioni di fondo sono sempre le stesse: le leggi del mercato, la necessità di profitti crescenti, la concorrenza.

Quattro casi (ma la lista potrebbe essere lunghissima) che sollevano almeno 3 domande.
La nostra classe politica nella sua equidistanza tra lavoratori e aziende continua, colpevolmente, a favorire un mercato, che lungi, dall’autoregolamentarsi, provoca sempre più diseguaglianze e ingiustizie sociali. Il fatto è che noi non siamo né in Germania, né in America e chi da noi perde il lavoro non ne trova un altro!
Quando impareremo a tutelare il patrimonio dello Stato, che vuol dire patrimonio di tutti, come le frequenze, le dorsali, le rotte, i porti?
Perché il diritto di pochi è intoccabile in quanto ritenuto “acquisito”, mentre il diritto alla dignità lavorativa spesso risulta indifendibile?
Per questo, mentre chiediamo la piena solidarietà per i lavoratori di Wind-Tre che il 14 giugno sciopereranno contro lo scorporo e la vendita del call-center, invitiamo tutti a riflettere su come noi lavoratori potremo realmente difendere e far valere i nostri diritti solo organizzandoci collettivamente e sindacalmente, senza illuderci che la nostra azienda sia diversa, senza pensare che tanto a noi queste cose non potranno mai succedere”.

Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto
Tutte le facce di Facebook

Tutte le facce di Facebook, un libro da condividere

Dopo la nascita di Facebook, niente è stato più come prima. E noi, come siamo sopravvissuti? Ce lo racconta Riccardo Lo Bue nel suo libro Tutte le facce di Facebook. Giovani e meno giovani, pensionati e studenti, uomini e donne: ...
Leggi Tutto
Carmelo Ferlito

Carmelo Ferlito, tre premi speciali al “Var Talent 18”

Il cantante catanese si è classificato al 4° posto al “VarTalent 18" Festival Canoro d'Italia (6 ottobre - Trento) ma si aggiudica ben tre premi speciali: migliore base, migliore interpretazione e migliore look Carmelo Ferlito, cantante e interprete originario di ...
Leggi Tutto
Piero Guccione

Addio a Piero Guccione, inimitabile pittore del mare

L'uomo che disegnava il mare non c'è più. Piero Guccione, capostipite della scuola di Scicli, è deceduto ieri a Modica e ha portato per sempre con sé quel suo tratto inconfondibile che è il marchio d'artista. Non ci sarà più ...
Leggi Tutto