Imponevano il pizzo a imprese e negozi: otto ordini di custodia nell’Ennese

Otto ordini di custodia nell’Ennese, cinque in carcere e tre ai domiciliari, nel corso dell’operazione antimafia “Goodfellas” coordinata dalla Dda di Caltanissetta. Tra i destinatari, pure il boss detenuto, reggente di Cosa nostra ennese, Salvatore Seminara di 71 anni e originario di Mirabella Imbaccari (CT).

A quanto pare, il gruppo imponeva il pizzo a imprese e negozi. Inoltre, grazie alle intimidazioni e ai dannaggiamneti, avrebbe permesso ad alcuni degli arrestati di operare senza concorrenza a Leonforte e Agira.

Oltre a Seminara, la Polizia di Enna ha notificato la custodia cautelare in carcere, anche, a Natale Cammarata, 24 anni di Agira, alla guardia giurata di 34 anni Walter Frasconà, di Leonforte come pure Salvatore Ogliarolo, 41 anni, e al 33enne Antonino Scaminaci, anche lui di Agira. Ai domiciliari, invece, il titolare di un’autoscuola, il 52enne Angelo La Ferrara di Leonforte, Antonino Lambusta, 54 anni e di Valguarnera, e il 54enne Alessandro Trovato di Troina.

Pin It on Pinterest