Mantenere il cervello giovane per prevenire alcune malattie: ecco i consigli da seguire

Preferire alcuni cibi ad altri, praticare digital gamig e sport, come pure intrattenere relazioni soddisfacenti può risultare molto utile per mantenere il cervello giovane e ritardare l’insorgenza, fino anche a 5-10 anni, di alcune forme di demenza come l’Alzheimer. A svelarlo è Valter Longo, direttore dell’Istituto di Longevità della School of Gerontology presso l’University of Southern California di Los Angeles.

Per vincere la scommessa contro l’orologio biologico mantenendo il cervello giovane, meglio seguire una dieta quasi vegana, in cui non deve mancare – ma non più di due volte alla settimana – il pesce, soprattutto se ricco di omega 3, omega 6, e vitamina B12. Ben accetti, quindi, sardine, salmone, pesce azzurro, crostacei e molluschi, mentre meglio tenere lontano zuccheri e farine raffinati.

Buon alleati sono, anche, vino rosso, olive, pecorino, feta, olio di oliva e frutta a guscio. Inoltre, secondo alcuni studi, grande giovamento si trarrebbe per le proprie funzioni cognitive dal consumo di 40 ml di olio extravergine di cocco al giorno, per via dell’azione protettiva svolta degli acidi grassi a catena media. Da non dimenticare il caffè: 3 o 4 tazzine al dì potrebbero proteggere da forme di demenza come il morbo di Parkinson.

Ma la salute del nostro cervello non passa solo dal cibo. Per tenere i neuroni allenati è consigliabile dedicarsi pure alla lettura, ai puzzle e ai digital gaming, mentre se si vuole praticare dello sport è meglio prediligere l’attività aerobica. Non meno importante sarebbe poi vivere relazioni intense e gratificanti, mantenendo un ruolo attivo in famiglia.

Pin It on Pinterest