Nino Di Matteo e il muro di Palermo

La storia dello striscione a Palazzo delle Aquile a favore del magistrato, l’idea di realizzare un’esposizione a cielo aperto sulla legalità. E come a Cinisi con le “mattonelle” di Peppino Impastato, rendere omaggio alle figure dei nostri eroi contemporanei. Di Matteo in politica? Il post di Piero Melati, un condensato di stile e raffinatezza

Palermo sta con Di Matteo e il pool Antimafia”: è il testo dello striscione esposto da qualche mese nel balcone centrale di Palazzo delle Aquile. La decisione di esporlo, ovviamente, la prese Orlando. Era il periodo della scorta civica e dell’allarmante notizia dell’arrivo del tritolo, il regalo che la mafia voleva recapitare al magistrato. La reazione istituzionale fu tempestiva ed efficace. Lo stesso messaggio finì su un secondo striscione esposto nella terrazza panoramica dell’aeroporto Falcone-Borsellino.

Anche noi, nel nostro piccolo, stiamo con Di Matteo e lo diciamo forte e chiaro per poterci permettere a ruota di fare una domanda. Non sarebbe ora di cambiare soggetto?
Non per sminuire la solidarietà al magistrato, ma per ampliare il modello di sostegno pubblico, facendo della facciata di Palazzo delle Aquile il muro della solidarietà e dell’impegno civico di Palermo.
Un po’ come il marciapiede di Cinisi che collega la casa di Peppino Impastato a quella di don Tano Badalamenti, dove i “militanti” di Radio 100 Passi, con il progetto delle mattonelle antimafia, hanno creato un museo della legalità a cielo aperto. Ogni mattonella dedicata ad una figura di impegno civico, quarantadue mattonelle, un percorso netto e visibile.

Palazzo delle Aquile come il percorso di Cinisi, non sarebbe un’idea? Dopo Di Matteo, avremo altri uomini di legge e della società civile “affacciati” al balcone? Sosterremo con le stesse lettere altre battaglie e l’impegno di altri eroi contemporanei? Intanto Di Matteo è di nuovo al centro della cronaca per le dichiarazioni che molti hanno letto come il preludio ad un suo prossimo impegno in politica. Come già Di Pietro, De Magistris, Casson, Palma, per citarne alcuni. O Antonio Ingroia che con Di Matteo ha condiviso alcune delle più scottanti inchieste della Procura di Palermo.

Sull’argomento vi proponiamo il pensiero del giornalista siciliano Piero Melati, penna raffinata de La Repubblica e del Venerdì. Un post che rappresenta un capolavoro di stile e di sostanza.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto