La questione ambientale e le elezioni: accuse e randellate tra Catania e Spallitta

Non si sono mai amati Giusto Catania e Nadia Spallitta, nonostante una comune matrice progressista e una dichiarata sensibilità per le problematiche ambientaliste. Figuriamoci se in campagna elettorale il rapporto poteva migliorare. L’attacco di Catania è stato perentorio, di quelli che non si possono dimenticare perché punta dritto dritto a minare la reputazione dell’avversaria ai più alti livelli di rappresentanza. L’assessore alla Mobilità ha, infatti, scritto e divulgato una lettera che ha quale destinataria Monica Frassoni, co-presidente dei Verdi Europei. Leggasi il “principale” della Spallitta in corsa contro Orlando proprio con i Verdi a supporto.

“Cara Monica – scrive Catania- ci conosciamo da anni e scusami se ti coinvolgo in una vicenda elettorale locale… Palermo è l’unica città europea in cui il partito dei Verdi si dichiara contro la limitazione del traffico veicolare privato e contro le aree pedonali… Questa evidente contraddizione è tuttavia coerente con il percorso politico della candidata a sindaco sostenuta dai Verdi la quale, nella veste di consigliere comunale, si è intestata una battaglia legale per abolire la Ztl… Meno male che alle prossime elezioni amministrative questo paradosso palermitano potrà essere compensato dall’esistenza di Sinistra Comune, un soggetto politico che è anche la casa degli ecologisti…” Questa in sintesi il documento con cui Giusto accusa alla maestra la compagna di banco Nadia di avere fatto la monella. La risposta si è fatta attendere qualche ora e non è stata meno sferzante.

“L’assessore Catania parla di coerenza mentre stringe accordi con parte consistente del centrodestra. È in coalizione con chi ha promosso e votato la creazione di grandi centri commerciali in aree di verde agricolo e storico… È male informato sul mio programma che prevede lo sviluppo delle pedonalizzazioni e mia è stata la prima mozione al riguardo presentata in Consiglio… La Ztl nella sua prima versione era illegittima perché era una sorta di tassa scollegata peraltro dall’inquinamento atmosferico: lo ha detto il Tar annullando il provvedimento… L’attuale versione della Ztl potrebbe essere valida in astratto ma non è supportata da servizi (collegamenti e parcheggi). Da 5 anni sono ferme in Consiglio le mie proposte per l’istituzione del parco di Villa Turrisi e del parco Uditore. E l’assesore dimentica di avere votato in Giunta la possibile concessione ai privati dello Stadio delle Palme, tolto dal cosiddetto Piano delle Valorizzazioni solo grazie ad un mio emendamento” . E il festival delle randellate continua, persino tra (quelli che una volta erano) compagni di banco.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto