Da un villaggio greco la ricetta per un cuore sano: scoperta variante genetica

Individuato tra gli abitanti di un villaggio dell’isola di Creta, in Grecia, “l’ingrediente genetico” che proteggerebbe da infarto e malattie cardiovascolari, quest’ultime tra le cause più comuni di morte nel mondo. A scoprirlo, i ricercatori del centro britannico Wellcome Trust Sanger Institute che, coordinati da Eleftheria Zeggini, hanno pubblicato i risultati del proprio studio sulla rivista Nature Communicatons.

Confrontando la mappatura del Dna di circa 250 persone che vivono nel villaggio di Mylopotamos con quello di altri circa 3.200 individui, gli studiosi britannici hanno scoperto in una variante genetica – chiamata “rs145556679” – il segreto del perché questa popolazione greca, nonostante segua una dieta ricca di grassi animali, godrebbero ugualmente di buona salute. A questa variante del gene “Dscaml1” sarebbero associati, infatti, livelli più bassi di grassi “cattivi” nel sangue.

Questa scoperta, come altre simili fatte in passato, potrebbe ora portare alla messa a punto di nuovi farmaci contro l’infarto. D’altra parte, la variante individuata – spiega il rettore dell’Università di Roma Tor Vergata, Giuseppe Novelli, come riporta Sky TG24 – produce una proteina che permette alle cellule di formare delle reti”. Fattore molto importante, a quanto pare, per l’architettura dei vasi sanguigni perché impedirebbe l’entrata del colesterolo “cattivo” nelle loro pareti, causando trombi che potrebbero portare a un attacco di cuore.

Pin It on Pinterest